CONDIVIDI

banda-squinzanoTaranto – Ritornano Venerdì 30, presso la sede di Via Veneto 106/A, alle ore 18.00, con libero ingresso, gli appuntamenti settimanali di Presenza Lucana, con la cartella “Tradizioni Musicali” dal titolo “Storia della banda musicale di Squinzano”. Relatore Pierfrancesco Galati (Studioso delle bande musicali pugliesi) e intervento del Maestro Giuseppe Gregucci.

Da questo primo incontro, e per tutti i prossimi Venerdì Culturali di Presenza Lucana, solo i primi cinque minuti saranno dedicati, dallo studioso Antonio Fornaro, ad argomenti vari della nostra città che avranno come titolo: Pillole di tarantinità. Si prega di essere puntuali per ascoltare questi momenti speciali che precederanno l’argomento della serata.

Il relatore Galati, di Avetrana, che ritorna a Presenza Lucana sempre con la cartella Tradizioni Musicali, racconterà la storia della Banda Musicale di Squinzano dalle origini, 1876, ai nostri giorni. Un momento particolare dell’incontro sarà dedicato ai Maestri più importanti e ai solisti che hanno reso celebre la banda di Squinzano dalla nascita, con particolare interesse ai fratelli Ernesto e Gennaro Abbate.

La celebre orchestra nei suoi 140 anni di presenza in tutte le piazze delle città e paesi del centro e sud Italia, si è anche esibita nei principali teatri di Roma, Milano, Sanremo, Firenze, Montecatini.

Dalla sua costituzione, la banda musicale squinzanese, ha visto avvicendarsi sul podio direttori di grande prestigio come Giuseppe Patanè, Gioacchino Ligonzo, Jorge Egea, Ferruccio Burco, Antonio Brainovich, Gino Bello, Pino Natale, Filippo Zigante e molti altri, che hanno saputo imprimere negli ascoltatori, attraverso il suono inconfondibile dei fiati, le fascinose melodie della “musica immortale” che fanno della banda di Squinzano il proprio biglietto da visita.

La festa del paese era legata all’arrivo della banda che attraeva, noi ragazzini, sia per le lucide e sfarzose divise, che tutti i solisti indossavano, e sia per i loro suoni che avevano un qualcosa di mistico.

Molti erano i musicisti che ci seducevano all’interno della banda, con i loro strumenti a fiato di forme particolari e di color ottone lucido nei quali ci specchiavamo. Era però la figura del Direttore d’orchestra che ammiravamo di più poiché sembrava avere un qualcosa di ascetico; il suo volto autorevole trasmetteva, a secondo dei brani musicali, sensazioni diverse in tutti noi che seguivamo la processione attentamente.

Il periodo più bello era la sera quando gli orchestrali, dopo un breve riposo, salivano con una nuova divisa sulla cassa armonica e si disponevano seduti in posti ben preparati e provavano gli strumenti in attesa del gran concerto. Tutti gli abitanti del paese si disponevano intorno alla cassa armonica, i più anziani portavano le sedie da casa, per ascoltare le arie delle opere che nell’ordine erano scritte sulla locandina, con il nome della Banda e del Direttore. Le nostre nonne portavano con loro il fazzolettino bianco per asciugare le lacrime che, all’attacco della Tosca automaticamente scendevano.

E’ da ricordare che per tanto tempo, anche sino agli anni cinquanta “la Banda è stata l’unico mezzo di diffusione della cultura musicale, coinvolgendo anche le realtà sociali più decentrate” Giampaolo Lazzeri (Compositore e insegnate di musica)

Testimonianze collocano la nascita della “banda” a periodi di antiche civiltà. Gli storici, tuttavia, ne attribuiscono le origini all’epoca della rivoluzione francese. “Il vero legame tra festa e banda sorse in Francia alla fine del ‘700, come festa civile; in Italia, invece, come devozione, nella maggior parte, verso il Santo patrono” (Fulvio Creox).

Si approfitta di questo primo appuntamento, del 30 Settembre, per comunicare il programma dei Venerdì Culturali del mese di Ottobre:
Venerdì 07-10-2016 – TESI DI LAUREA: “Il paesaggio delle fiabe” Relatrice Valeria Padalino. Letture Varie.
Venerdì 14-10-2016: AFRICA E CULTURA – “Al di là dei confini” Relazione di Ndoffene Diouf – Charlie Baye. Letture Varie. Coordinamento di Michele Santoro.
Venerdì 21-10-2016: PRESENTAZIONE CD MEDITERRANEO di Mario Azad Donatiello Letture Varie
Venerdì 28-10-2016: TESI DI LAUREA OVER – La Chiesa dell’Assunta di Castellaneta – Relatore Giacomo Scarfato, Tutor Nico Fasano.

Molto gradito è il ritorno, a Presenza Lucana, del Maestro Giuseppe Gregucci, compositore e attuale Direttore della Banda Santa Cecilia di Taranto, già direttore della famosa Banda di Squinzano dal 2009 al 2012.
Il Direttivo invita i soci, gli amici e gli amanti della cultura a prendere parte, con puntualità, agli incontri. INGRESSO LIBERO