CONDIVIDI
La Manfriana Dolcedorme
La Manfriana Dolcedorme

Taranto – Dopo la serata dedicata a “la scoperta dell’America” e a tutta l’arte della navigazione e la conoscenza cartografica del mondo prima che Colombo compisse l’impresa, torna la cartella “Diaforum” con una serie di diapositive digitali, di ottima fattura, presentate dal potentino Peppe Ferrara, guida escursionista e profondo conoscitore del territorio della Basilicata. Nell’ambito delle sue tante escursioni, l’autore, amante della fotografia, ha avuto modo di riprendere tutte le meraviglie che scopriva sul percorso. Le immagini che saranno proiettate faranno conoscere la bellezza del Parco Nazionale del Pollino, con gli alberi del Pino Loricato, fiori selvatici, insetti, farfalle, uccelli, paesaggi mozzafiato, il tutto fotografato in stagioni diverse, compresa quella invernale con montagne e colline innevate. Per gli amanti della natura è questo senza dubbio un appuntamento di ottimo interesse per la conoscenza, diversa, di una parte della Regione Basilicata.  Quella presentata, domani, alle ore18.00, presso la sede dell’Associazione Culturale Presenza Lucana è la prima parte della cartella situata all’interno di un Diaforum, dal titolo: la Basilicata tra città, paesi, boschi e sentieri. Il commento alle immagini sarà di Antonio Petruzzi, cultore e appassionato dei luoghi che saranno presentati.  In un breve futuro, sono in progetto due mostre fotografiche di autori lucani, per festeggiare il venticinquesimo anno della fondazione di Presenza Lucana e per dare continuità a un percorso culturale che vedrà più unita la nostra città Taranto con la Regione Basilicata. Un vantaggio il Sud l’ha avuto per la prima volta nella storia: una sua città, Matera, è stata eletta capitale della cultura europea per l’anno 2019. E’ importante lavorare su progetti allargati, tra altre città, compresa Taranto che ha, dalla sua, l’appartenenza comune con Metaponto alla Magna Grecia.  L’elezione di Matera, con l’impegno di tutti, potrà dare quell’impulso necessario a una crescita del Mediterraneo: è importante che ci sia la volontà e la capacità da parte di amministratori e delle Associazioni. “La cultura è un mezzo, anche se non l’unico, che può rappresentare un’ancora di salvezza per la crescita di un territorio”.
Nel prossimo Diaforum si prenderà spunto da paesi dell’entroterra lucano per presentare un progetto di crescita.
L’ingresso è libero.