CONDIVIDI

pescaTaranto, 2014-03-13 – Dopo il Diaforum “La Cina vista da un turista non distratto” (prima parte) e l’incontro con scambio culturale, propedeutico per un gemellaggio tra Presenza Lucana e le istituzioni del paese, in  provincia di Matera, Ferrandina, ritorna la cartella Tesi di Laurea con uno studio tratto dalla tesi “Taranto Normanna” proposto dalla dott.ssa Stefania Albertucci. La tesi di laurea in Storia Medievale, è formata da tre capitoli che trattano le vicende della città jonica partendo dall’invasione dei Goti fino alla prima dominazione normanna, avuta con Roberto Il Guiscardo prima e con Boemondo, principe di Taranto, dopo. Il capitolo sviluppato per la relazione è il terzo, secondo paragrafo, nel quale è affrontato il tema della pesca tarantina e delle peschiere.Stefania Albertucci parte dalla premessa che ha dato il titolo all’incontro, “navigando tra i due mari: storia e curiosità della pesca tarantina”, per approfondire le seguenti voci:

–              la descrizione del porto di Taranto in epoca medievale;

–        il cambiamento del concetto della libertà nel mare e nella pesca;

–        le peschiere, cosa sono e dove sono situate;

–        la storia del Museo Ceci e i due splendidi quadri su Taranto, realizzati con conchiglie;

–        le varie tipologie di pesca, gli attrezzi, le personalità del mare, i termini dialettali, la fauna marina tarantina, il tutto supportato da materiale fotografico personale.

L’appuntamento si svolgerà, Venerdì 14 Marzo, nella sede di Presenza Lucana, in Via Veneto 106/A, Taranto, con inizio alle ore 18,30.

La presentazione storica sarà di Angelo Conte (docente e saggista).

Ingresso libero.