CONDIVIDI

Dopo la parentesi mistica della “Settimana Santa” a Taranto, ritornano i Venerdì Culturali di Presenza Lucana con la cartella ASTRONOMIA, che ha da sempre interessato intere generazioni, con il titolo “L’Universo nasce ed evolve” tratto dall’ultimo testo pubblicato da Cosimo Distratis direttore dell’Ossevatorio ”Isacco Newton di Uggiano Montefusco” (Taranto). Quando la ricerca scientifica scopre nuove realtà astronomiche, alcuni teoremi cosmologici diventano obsoleti e cedono il posto ai nuovi.Gli scienziati che osservano l’Universo con Hubble o con altri grandi telescopi, sono i protagonisti di queste novità.
Relatore dell’incontro che si svolgerà Venerdì 13 Aprile 2012, alle ore 18.30, presso la sede di Presenza Lucana in Via Veneto 106/A sarà il prof. Cosimo Distratis che così anticipa la sua relazione: “Tutti sappiamo che la cosmologia studia l’Universo nella sua totalità per determinarne la struttura nello spazio e l’evoluzione nel tempo, ed è scontato che una teoria cosmologica riceva consensi se non contrasta le leggi di validità universale”.
“Quasi tutti gli astronomi dell’era greco-romana e medievale avevano un punto in comune nel credere che il cosmo fosse stato creato dall’Ente Assoluto”.
“Gli astronomi moderni, in linea di massima, sono d’accordo su come l’Universo vive, ma non lo sono su come nacque e tanto meno su come potrebbe finire. Tutte le teorie cosmologiche non sono ritenute credibili in toto perché partono da ipotesi e non da certezze. Una teoria tanto più è credibile quanto più è coerente con la realtà di tutti i fenomeni e i processi di astrofisica: tale coerenza è un requisito importante e se manca crolla quasi tutto”.
L’incontro sarà introdotto da Michele Santoro.
In chiusura ci sarà un breve dibattito sull’argomento trattato.
Dopo quest’appuntamento, quando ci saranno le condizioni necessarie, i soci dell’Associazione visiteranno l’Osservatorio Newton di Uggiano Montefusco.
Gli appassionati di Astronomia possono partecipare liberamente all’incontro.

Art. Michele Santoro