CONDIVIDI

foto calendPOTENZA, 2013-12-18  –  Lunedì 15 Dicembre,  nella Caserma “De Rosa” sede del Comando Militare di Basilicata, alla presenza del personale militare e civile, dei rappresentanti delle Associazioni combattentistiche e d’arma, degli Organi di stampa e dei Media locali e nazionali, il Colonnello Giulio Barba Comandante Militare di Basilicata, ha presentato il calendario dell’Esercito 2014.

Il CalendEsercito 2014 dal titolo “EsercitoMio”, prodotto editoriale completamente nuovo nel panorama dei calendari dell’Esercito, racconta  attraverso i disegni di figli e parenti dei soldati dell’Esercito , la loro visione dell’organizzazione militare. I piccoli artisti che vanno dai 5 ai 14 anni sono riusciti a cogliere le caratteristiche dell’organizzazione militare e contemporaneamente a descrivere con spensieratezza e sincerità i momenti più intimi della vita familiare.

Il Calendario stampato su carta riciclabile, è suddiviso in quadrimestri dal titolo:  “Il mio  Esercito” – “Attività in Patria” – “Esercito e Famiglia” – “Missioni all’estero” .

Questi sono i quattro temi  che raccontano il mondo dell’Esercito, uno spaccato di sentimenti, operatività, azione e solidarietà. Il connubio famiglia-Esercito è il “core” del prodotto editoriale. Il soldato è un uomo con i suoi valori e le sue debolezze, con i suoi affetti e le sue rinunce. Rinunce che, nel mestiere delle armi, sono condivise dalla famiglia. La gioia del ritorno come la tristezza della lontananza sono alcuni dei sentimenti illustrati nel CalendEsercito.

I disegni dei mesi tutti raccolti per tematiche rendono l’idea di quanto sia diversificata  l’azione dell’Esercito e quanto sia compreso e partecipato il suo ruolo nella società contemporanea.

Il Colonnello Giulio Barba, a conclusione del suo intervento, ha evidenziato le sensazioni, le emozioni , la gioia e i sentimenti dei bambini che hanno partecipato alla realizzazione del calendario sottolineando, altresì, l’importanza del profondo legame che unisce l’Istituzione militare alle proprie famiglie.

Lorenzo Zolfo