CONDIVIDI

La scrittrice lucana Maria Pina Ciancio vince il I Premio al Concorso Internazionale della Migrazione“ Attraverso l’Italia” 2014. Nel corso della serata si è tenuta la premiazione e un’intervista all’autrice.

premiazione CiancioPotenza – Si è tenuta il 7 dicembre scorso, presso il Ridotto del Teatro Rendano di Cosenza, la premiazione del concorso “Attraverso l’Italia”. L’evento è stato promosso dalle Associazioni Logos Contatto e ONLUS “Passaggi”, con il patrocinio del Comune di Cosenza e del Dipartimento di Lingue e Scienze dell’Educazione dell’Università della Calabria. La cerimonia è stata aperta dai saluti del Prof. Francesco Altimari, direttore del Dipartimento Unical patrocinante e da Caterina De Nardi, Presidente dell’Onlus “Passaggi”. Alessandro Gaudio, membro della giuria, ha illustrato brevemente i criteri che hanno accompagnato la scelta delle opere vincitrici. La serata, diretta da Mario Benvenuto e da Griselda Doka, si è articolata in più momenti. Ogni vincitore è stato annunciato da una nota biografica e dalla motivazione parte della giuria, alle quali è seguita la lettura delle poesie per la sezione inediti e di brani scelti per la sezione editi. Erano presenti a ritirare il premio i seguenti poeti: Fatime Kulli e Vasily Biserov menzioni speciali sez. inediti); Maria Pina Ciancio (prima classificata per l’edito). A questi si è aggiunta in videoconferenza Arianna Luci, prima classificata per la sezione inediti. Ognuno di loro è stato invitato a tenere un breve intervento. Un’intervista è stata invece riservata alla poetessa lucana Maria Pina Ciancio, che ha parlato della silloge vincitrice “Storie minime e una poesia per Rocco Scotellaro”, annunciando la sua ultima pubblicazione “Assolo per mia madre” per le edizioni L’Arca felice di Salerno. Seguendo il format della prima edizione, la serata è stata poi arricchita dall’intervento di un ospite, Pierino Gallo, poeta e ricercatore di Letteratura francese, intervistato da Griselda Doka. Il poeta ha ricordato, nel corso del dialogo, l’importanza alcuni aspetti dell’immaginario poetico della migrazione, evidenziando l’importanzadella lettura e dell’ascolto poetico sin da giovanissimi. L’accompagnamento musicale è stato curato da Tecla Cerchiara e la lettura dei brani da Filomena Minella Bloise, Ciccio De Rose, Rossella Michienzi e Alessandro Senato. L’evento si è concluso con un omaggio al tango poetico a cura di Mario e Aurelio Benvenuto.