CONDIVIDI
Venosa alcuni migranti con Aboubakar prima della partenza per Potenza
Venosa alcuni migranti con Aboubakar prima della partenza per Potenza

Venosa  – Una data da ricordare, quella del 4 agosto scorso per i migranti africani, che fino a poco tempo fa vivevano nella baracche fatiscenti in contrada Boreano di Venosa. Nella mattinata di un soleggiato 4 agosto,davanti la Regione Basilicata si sono incatenati sotto la Regione Basilicata per ribadire la fine della schiavitù. “Non chiediamo carità, ma diritti sindacali e sociali” era lo slogan che ha accompagnato la loro protesta.

Dopo questa protesta, si sono incontrati, su richiesta dell’USB, il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, l’assessore all’Agricoltura, Luca Braia, l’assessore alla Sanità, Franconi., il direttore generale della Presidenza della Giunta Regionale, Vito Marsico, Raffaella Piarulli per conto dell’ASP, Aboubakar Soumahoro dell’esecutivo nazionale USB, Francesco Castelgrande della federazione USB di Venosa e regionale insieme a Rosalba Guglielmi, il presidente del comitato locale Bradano della C.R.I., Sergio Labriola.

Dopo l’introduzione del Dg Marsico, Aboubakar Soumahoro dell’USB Nazionale, ha rappresentato le ragioni della manifestazione della giornata ed ha chiesto il rispetto di quanto sottoscritto lo scorso 12 maggio, di cui è stata ribadita la validità di tutte le parti presenti. In sintesi, la giornata di lotta dei braccianti a Potenza, dopo lo sgombero di Boreano, si è conclusa con un accordo sindacale firmato tra l’USB e il Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella. Questi sono i punti dell’accordo:

A partire dal 5 agosto 2016, la Croce Rossa Italiana s’impegna a garantire, con finanziamento regionale, il servizio navetta dal Centro di accoglienza ex Cartiera di Venosa, allestito dalla Task Force della Regione Basilicata,al centro cittadino e viceversa di norma con cadenza ogni ora la mattina dalle 7 alle 16 e ogni mezz’ora il pomeriggio dalle 17 alle 23.

L’assessore all’Agricoltura Luca Braia convocherà nelle prossime ore una apposita riunione con i datori di lavoro in merito all’applicazione e al rispetto dei diritti salariali, previdenziali e di sicurezza sul lavoro, nonché di trasporto dal Centro di accoglienza ai luoghi di lavoro. Sulla gestione del Campo ex Cartiera di Venosa si è convenuto di regolamentare in termini condivisi la libertà di accesso e la creazione di spazi di socializzazione, evitando l’utilizzo di dispositivi che possano compromettere o offendere la piena affermazione dei fondamentali principi, a tutela della dignità delle persone.

Sulla stabilità abitativa per i lavoratori stanziali di Venosa e Palazzo, la Regione si impegna a sensibilizzare i sindaci dei centri interessati affinché vengano predispostiti e pubblicati bandi pubblici finalizzati ad agevolare la locazione ai migranti stanziali degli appartamenti sfitti. A tal proposito la Regione si impegna a valutare già in sede di legge di assestamento l’entità del proprio concorso finanziario.

A conclusione dell’incontro, erano presenti Gervasio Ungolo dell’Osservatorio Migranti Basilicata, i consiglieri regionali (Leggieri) e comunali (Covella) del M5S di Venosa, il presidente Pittella, nel ringraziare la Croce Rossa Italiana per l’opera che sta svolgendo, ha ribadito l’impegno a vigilare personalmente affinchè quanto concordato trovi concreta e sollecita attuazione, valutando le sollecitazione del sindacato del sindacato USB.