Home Poesie di Mario Bruno Ciancia

Poesie di Mario Bruno Ciancia

 

Il vignaiolo

Tra i filari della vigna
nel settembre rituale
a tagliar s’appresta
l’umile vignaiolo
i grappoli maturi.

Con una mano carezza
le perle bionde e nere
mentre con l’altra
attento il gambo taglia
e con cura posa
il frutto del suo sudor
nei gran cesti in vimini
disposti tra le viti
dai pampini ormai rossicci.

Poi col suo asinello
carico s’avvìa al paese
e all’uno e all’altro fanciullo
che segue in coda
regala qualche chicco.

Nella cantina le botti
e anche le barrique
aspettano a bocc’aperta
e a pancia asciutta
il liquido di Bacco.

In esse il mosto
brontolerà, si calmerà
e allora, solo allora
potrà chiamarsi vino
ch’ei fiero gusterà.

Cal’t’ u sou’ (Cala il sole)

Quann’ a sèr’ cal’t’ u sou’
alu sandìss’m, chièn’ chièn’
aumbr’t’, s’ fait’ scur’ , po nott’
e non s’ send’n’ cchiù rumór’

u munn’ s_acquiet’t’ e dorm’t’.

‘Ndall_àri’ vov’n’ i iatt’uìggh’
e ndì foss’ sc’càm’n’ i cuccuèll’
mendr’ ndu cee spund’n’ i stell’
ca auèr’ semb’ vost’ cundè
ma nun c_eggh’ méi’ riuscìt’.
Adav’t’ adav’ sup’ a Ravatèn’
pur’ u castèll’ s_appapàggh’t’
ma ‘ndu sonn’ par’t’ ca viggh’t’
sup’ i grann’, i zinn’ e i m’nzèn’
e i paisèn’ ca viv’n’ assèi’ lundèn’.
N’sciùn’ cchiù c_et’ nda chiàzz’
ma, arìp’ arìp’ u mur’ da chiesi’
nu chèn’ camìn’t’ tort’ tort’, stangh’
fors’ vè truann’ u patrun’ ch’angòr’
pur’ s’ iè tard’, non s_è r’còut’ da fór’.
Oh, ch’ ddor’ d’ pèc’ ca send’ stasèr’
sutt’ a na luna iangh’ ca par’ mahèt’
ma ch_allum’nìt’ i p’nzèr’ e i sp’ranz’
da vit’  ca nui’ a  malapen’ s_èm’ sunnèt’
e i figgh’ nost’ auer’na viv’ ‘n sanda pec’.
 
 
Cala il sole (Traduzione  dell’autore)
 
Quando a sera cala il sole
al “Santissimo”, pian piano
imbrunisce, si fa scuro, poi notte
e non si sentono più rumori
il mondo s’acquieta e dorme.
Nell’aria volano i pipistrelli
e nei fossi cantano le civette
mentre in cielo spuntano le stelle
che avrei sempre voluto contare
ma non ci sono mai riuscito.
 
Lassù lassù sopra la Rabatana
pure il castello s’appisolisce
ma nel sonno sembra che veglia
sui grandi, i piccoli e mezzani
e i paesani che vivono assai lontano.
Nessuno più c’è nella piazza
ma, rasente rasente il muro della chiesa
un cane cammina torto torto, stanco
forse va cercando il padrone ch’ancora
pur se è tardi, non s’è ritirato dalla campagna.
Oh, che odore di pace che sento stasera
sotto una luna bianca che sembra malata
ma che illumina i pensieri e le speranze
della vita che noi a malapena abbiamo sognato
e i figli nostri dovrebbero vivere in santa pace.
 
Ndi ches’ d’ na vot
 
Ch’ m’ cr’rért òi’ s’ l’ cuntèr’ 
com’ s’ v’vìt’ na vot’ ‘ndì chès’ 
iér’n’ trist’ i temp’ e app’tìt’ 
iér'(t) grann’, mangàin’ i t’rnìs’.
 
Nun c’ stavìn’ schìtt’ i cr’st’ién’
 ndì chés’ nivr’ com’ u car’vòn’ 
ndù fùnn’, u porch’ e a v’ttùr’ 
attacchét’ mbacc’ a mangiatùr’.
 
I cunìggh’ ammec’ e i iallìn’ 
pascìn’ ‘nda chès’ pàcca pàcch’ 
e nui’ attent’ iìmm’ sc’rquànn` 
sp’rànn’ d’ truè angùn’ ov’céll’.
 
U iurn’ i uagnùn’ facìn’a muìn’ 
quann’ u tèt’ iìt’  a fat’iè 
parò a sèr’ quann’ c_er’t’
 agnun’  ass’ttèt’ alu post’ sùu’.
 
Stavìn’ tutt’  atturn-atturn’ a tau’ 
asp’ttann’ angùna cos’ ch’ mangè 
oh com’ sapìn’ bell’ chìll’ piatt’ 
pur’ s’ ier’t’ schìtt’ pen’ cott’.
 
Appès’ ala vir’i’ nun mangàin’ 
pupàcc’ russ’, c’pull’ e granèt’
 e sc’nnìt’ l_acquarell’ mmucch’ 
uardànn’ sav’zizz’ e supr’ssét’.
 
 
Eppur’  nui’ s’ facìmm’ d’ r’set’ 
ca  n’sciùn’ mo s’ pò(t) sunnè 
mo avèm’ tutt’ cos’ ma s_è pers’ 
quìllu  bben’ ca s’ uìmm’ tann’.
                           

Nelle case di una volta ( Traduzione)

Chi mi crederebbe oggi se raccontassi
come si stava una volta nelle case
erano tristi i tempi e l’appetito
era grande, mancavano i soldini.
Non ci abitavano solo le persone
nelle case nere come il carbone
in fondo, il maiale e l’asinello
attacati vicino alla mangiatoia.
 
 
I conigli invece e le galline
pascolavano per casa dappertutto
e noi attenti andavamo cercando
sperando di trovare qualche ovetto.
 
 
ll giorno i ragazzi facevano baccano
quando il padre andava a lavorare
però la sera quando c’era
ognuno seduto al posto suo.
Stavano tutti attorno al tavolo
aspettando qualcosa per mangiare
oh com’eran buoni quei piatti
pure se era solo pane cotto.
Appesi alla “verga” non mancavano
peperoni rossi, cipolle e melograni
e scendeva l’acquolina in bocca
guardando salciccie e soppressate.
Eppure noi ci facevamo di risate
che nessuno ora si può sognare
adesso abbiamo tutto ma s’è perso
quel bene che ci volevamo allora.
 
Chilla sèr’
Fors’ mò l’ sacc’
p’cché u munn’
iér'(t’) tand’ cìtt’
chìlla sèr’

e ‘ndì strét’
non c_ér’t’ mangh’
n_àn’ma dannét’.
 
Pur’ a lun’
‘ndu cèe
ier'(t) trist’
fors’ avì(t’) chiànd’
come ttè.
 
T’nìs’ na curt’llét’
alu còr’
p’cché nu figgh’ du tùu’
u iurn’ apprèss’
avìta part’
Turs’cell’ mèi’.
 
Quella sera (traduzione)
 
Forse adesso lo so
perché il mondo
era tanto silenzioso
quella sera
e nelle strade
non c’era neanche
un’anima dannata.
 
Pure la luna
nel cielo
era triste,
forse aveva pianto
come te.
 
Avevi una coltellata
al cuore
perché uno dei tuoi figli
il giorno seguente
doveva partire,
mia piccola Tursi.

 

Mare

Predisposte le reti
e alzati gli occhi al Cielo,
antico segno di preghiera,
il pescatore spinge
la sua barca in mare,
come carezzandola,
poi vi salta su
e s’avvia
per la sua rotta.

Restano sulla riva
le orme
dei suoi nudi piedi
conchiglie
sbiadite dal sole
e della barca
il sabbioso solco.

La bianca scia s’allontana
sempre più sfumata
e all’orizzonte lontano
dove al cielo il mar si fonde
svanisce.

Mi sibila leggero il vento
strane vecchie storie
di gente partita e mai tornata
e temo, e prego
mentre per l’aria
echeggia
il verso del gabbiano.

Mare, oh mare! Or egli
è nelle tue braccia. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here