CONDIVIDI

Venosa – I ragazzi dello Sport Team Venosa lo scorso 13 marzo sono stati impegnati nei Campionati Nazionali Libertas di Corsa Campestre a Perugia. Questa società di Venosa ( presidente il prof. Donato Conte, allenatore Rocco D’Oppido di Palazzo San Gervasio) ha rappresentato la Basilicata in questa finale, ottenendo ottimi risultati.

Michele D'Italia e Giuseppe Allamprese i primi due oro
Michele D’Italia e Giuseppe Allamprese i primi due oro

La prima a disputare la prima gara è stata, per la categoria esordienti femminile, Irene Allamprese di Ginestra, una ragazzina tutto “pepe”, frequenta ancora la scuola primaria, giunta ottava su 64 atlete partecipanti , poi è toccato alla categoria Ragazzi, il primo arrivato giungendo al nono posto Bruno Tummolo, seguito al 14° posto da Romeo Lopez, e al 30° posto da Giacomo Colonna, su 80 partecipanti. Per la categoria Ragazze la società venosina ha portato Lucia Talucci e Federica D’Oppido, nella categoria Cadetti è arrivato l’ottimo risultato di Giuseppe Allamprese di Ginestra, fratello di Irene, che vince il titolo di Campione Italiano Libertas, dopo è stata la volta della categoria Allievi dove Michele D’Italia di Lavello, frequenta l’I.I.S. “Solimene”, dopo gli ottimi risultati conseguiti ad Ancona e Gubbio, si piazza al 1° posto, diventando Campione Italiano Libertas. L’ultima categoria a gareggiare è stata quella delle Allieve dove Costanza Mazzarelli giunge al 6° posto, anche se le sue condizioni fisiche non era delle migliori.

L’ allenatore Rocco D’Oppido soddisfatto e contentissimo dei risultati ottenuti dai suoi giovani atleti, dove su nove atleti portati a Perugia, cinque sono saliti sul podio-medaglie e due di loro sono diventati Campioni Italiani Libertas. Di ritorno da Perugia, il mister D’Oppido riferisce: “Sono felice dei risultati conseguiti dai ragazzi, frutto di allenamenti con me sotto il freddo, la pioggia facendo tanti sacrifici e impegnandosi sempre. Siamo andati a Perugia con l’intento di fare bene e di far conoscere lo Sport Team Venosa in tutta Italia e far sentire che la Basilicata può anche essere protagonista in Italia, questo era il mio desiderio di sempre. La nostra regione, pur piccola, può competere alla pari contro le altre. Sono felice di aver creato un gruppo di ragazzi e ragazze che si vogliono bene e si aiutano in tutto è soprattutto ci divertiamo tantissimo, insieme a loro mi sento ragazzino come loro”.