CONDIVIDI
Olimpia Volley
Olimpia Volley

Melfi – Come da pronostico della vigilia la sfida casalinga dell’Olimpia Volley Melfi contro l’Asci Potenza, è stata una gara bella e intensa, all’insegna del massimo rispetto tra le atlete in campo e tra i dirigenti, a prova dei grandi rapporti che da anni contraddistinguono i due team, che anche questa stagione si contenderanno la vittoria finale. Sabato scorso è finita come lo scorso anno con le padrone di casa vittoriose per 3 a 2, risultato che prolunga la scia di vittorie delle ragazze di mister Pontolillo, che dura da oltre un anno. Il risultato la dice lunga sulla gara, dove quasi tutti i set si sono giocati punto a punto; la partenza ha visto le potentine avere la meglio su Vitucci e socie, che hanno pagato qualche errore fisiologico in più, al cospetto di un avversario di livello, tanto cedere le armi con il punteggio di 23 a 25. Pronta è stata la risposta delle padrone di casa che hanno archiviato il secondo set con il punteggio di 25 a 21, frutto di battute mirate e dell’eccellente prestazione della centrale Fabiana Caruso, capace di annullare la pari ruolo avversaria. 25-23 è stato il punteggio del 2 a 1 per le padrone di casa; un punteggio che aveva fatto ben sperare per il quarto set; che al contrario si è chiuso in favore delle potentine, con le melfitane ferme a 23 punti, dopo il caos scaturito da un giudizio del secondo arbitro che sul pari 18 ha fischiato un fallo di posizione all’Olimpia, fallo inesistente a detta della panchina locale e del numeroso pubblico presente, il quale ha contestato anche una serie di errori in cui nel quarto set è incappato sempre il secondo arbitro. Le proteste della squadra, del pubblico e del tecnico sono costate care in particolar modo a mister Pontolillo, notoriamente tecnico pacato e mai sopra le righe, che si è visto mostrare anche il cartellino rosso. Il tie break ha per fortuna rimesso i nervi a posto di Di Lucchio (ex di turno, in forza all’Asci in serie B2) e compagne, che con una buona partenza, che ha fruttato un vantaggio di 4 punti, ha permesso all’Olimpia di avere la meglio sull’Asci grazie al 15-10 finale. Nota negativa di questo set l’infortunio al ginocchio della schiacciatrice Stefania Caruso, le cui condizioni al momento non sono ancora chiarissime, l’augurio è che la lunga sosta possa riconsegnarla integra agli ordini di mister Pontolillo. Per la cronaca va segnalata la buona prestazione di Giusy Del Prete chiamata a sopperire all’assenza in campo della Caruso, a prova di come il tutto il gruppo sia sempre concentrato e prontissimo a dare il giusto apporto anche e soprattutto nei momenti delicati delle partite, cosa che il tecnico ha tenuto a sottolineare, ringraziando le proprie atlete per la grande professionalità e lo spirito di sacrificio che le contraddistingue tutte sia in gara che negli allenamenti. A causa di uno spostamento di gara richiesto dall’Asci Livi De Vivo, che avrebbe dovuto affrontare l’Olimpia nel prossimo fine settimana, le melfitane torneranno in campo il prossimo 11 gennaio, pertanto avranno modo di recuperare al meglio, ma anche di trascorrere delle festività serene, grazie al primato solitario, alla vittoria appena incamerata sulla diretta avversaria e grazie all’ormai tradizionale festa natalizia dedicata a tutta la società Olimpia, dal settore giovanile alle famiglie di ogni singolo tesserato, che si terrà lunedì prossimo sempre presso la palestra comunale.