CONDIVIDI

50 + 1 Mostra Internazionale del Nuovo Cinema Pesaro sabato 27 giugno 2015 ore 10, Centro Arti Visive Tavola rotonda, Pasolini nostro contemporaneo Pasolini “pesarese”

 

pasolini
Pasolini

Pesaro, 23-06-2015 – Fra la fine di maggio e i primi di giugno del 1965, Pier Paolo Pasolini intervenne alla tavola rotonda La critica e il nuovo cinema, organizzata dalla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema a Pesaro con una relazione intitolata La mimesi dello sguardo, dove affrontava la sua personale visione di una semiotica del cinema. L’anno dopo, agli inizi di giugno del 1966, nell’ambito della tavola rotonda Per una nuova coscienza critica del linguaggio cinematografico, il suo intervento fu invece La lingua scritta dell’azione, e nel 1967 (per Linguaggio e ideologia del film), parlò del Discorso sul piano-sequenza ovvero il cinema come semiologia della realtà.

A cinquant’anni di distanza dalla prima di quelle memorabili conferenze, dove Pasolini diede l’avvio alle teorie sul cinema che avrebbe poi rielaborato e pubblicato in Empirismo eretico (1972), la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro dedica allo scrittore-regista una retrospettiva cinematografica e una tavola rotonda, intitolata
Pasolini nostro contemporaneo / Pasolini “pesarese”, in concomitanza anche con il quarantesimo anniversario della sua scomparsa.

Alla tavola rotonda, coordinata da Bruno Torri (co-fondatore della Mostra di Pesaro insieme a Lino Miccichè) parteciperanno il critico e storico del cinema Adriano Aprà, il direttore della Mostra di Pesaro Pedro Armocida, il cantautore Pierpaolo Capovilla, il responsabile del Centro Studi – Archivio Pasolini di Bologna Roberto Chiesi, il poeta e scrittore Gianni D’Elia, il filosofo Giacomo Marramao, lo scrittore, giornalista e regista Italo Moscati, il critico, sceneggiatore e regista Serafino Murri, la docente e storica del cinema Stefania Parigi, lo sceneggiatore Stefano Rulli e il critico cinematografico Piero Spila.

Fra i film di Pasolini proiettati a Pesaro, ricordiamo Accattone (1961), La ricotta (1963), La rabbia (1963), Uccellacci e uccellini (1966), Edipo re (1967) e Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975). Venerdì 26 giugno, a Palazzo Gradari, ci sarà uno spettacolo di
Pierpaolo Capovilla, il quale presenterà un reading da La religione del mio tempo.

Per informazioni, tel.: (+39) 06 4456643 / (+39) 06 491156

E-mail: info@pesarofilmfest.it