CONDIVIDI
Miriello
Miriello

Matera – L’Olimpia Matera riscopre il sapore del PalaSassi e del pubblico di casa. Dopo la prima vittoria a Monteroni, spazio all’esordio casalingo. La squadra di coach Roberto Miriello attende la spinta del grande pubblico materano per continuare a veleggiare sulle ali dell’entusiasmo. Continuare la striscia positiva, ad inizio stagione, è importantissimo per tenere testa a tutte le migliori del campionato, dando lustro al lavoro svolto in estate dalla società e in fase di preparazione dallo staff tecnico.

In anticipo, rispetto al calendario, l’Olimpia Matera e il Porto Sant’Elpidio, scenderanno in campo domani sera, sabato 8 ottobre 2016 con palla a due prevista per le ore 21. L’anticipo, dovuto alla partenza con la Nazionale di 3VS3 di Gionny Zampolli, previsto per domanica alla volta della Cina, per i Mondiali di specialità. “Ogni esordio porta con se sensazioni diverse, emozioni diverse – spiega coach Roberto Miriello –. Anche questa volta vivremo questo momento al meglio. Vogliamo fare bene, davanti al nostro pubblico.

Regalare una vittoria importante in una giornata di festa, come vogliamo che sia. La squadra sta bene, solo Ravazzani ha svolto una seduta in meno per un leggero risentimento, ma essendo arrivato in ritardo dovrà ritrovare con più calma la condizione perfetta. Il resto del gruppo ha fatto un ottimo lavoro.

La squadra è pronta ad affrontare al meglio questa sfida, con la mentalità, la voglia e la determinazione giusta per portare a casa il risultato. Arriviamo da una buona prima gara a Monteroni ed in settimana abbiamo lavorato in serenità e con i ritmi giusti. Mi aspetto dai ragazzi una partita di grande sostanza”.

L’entusiasmo nell’ambiente materano è alto. Anche i tifosi sono pronti a riempire il PalaSassi per questa prima casalinga della nuova Olimpia, targata Bawer e Ingest. “Sentiamo intorno a noi il calore e l’affetto dei tifosi, siamo convinti che saranno, nel corso della stagione, importantissimi per noi e per le nostre vittorie.

Siamo sicuri che sarà ogni domenica (sabato questa volta) una grande festa di sport all’insegna del basket. Siamo fiduciosi perchè abbiamo sentiti intorno a noi quella vicinanza e quell’affetto necessari per costruire qualcosa di importante”.

Gli aspetti tattici, come sempre, sono importanti. Fattori quasi determinanti nel basket moderno. Il Porto Sant’Elpidio che l’Olimpia avrà di fronte è una squadra di categoria, con pochi fronzoli e molta praticità. Con giocatori esperti e anche duttili tatticamente. Un roster, quello affidato a Domizioli, in grado di rendere la vita difficile all’Ortona, solamente una settimana fa.

“Affronteremo una squadra che ha messo sotto l’Ortona, tra le candidate ad un posto tra le migliori di questo girone – riprende Miriello –. Sarà senza dubbio una gara difficile. Dovremo giocare con grande attenzione e applicazione, sbagliare poco ed essere sempre concentrati. Una squadra con ottimi tiratori nel paccchetto dei piccoli e gente di peso sotto canestro.

Tra l’altro, tutti cestisti in grado di ricoprire più ruoli, quindi una squadra molto duttile e che non lascia punti di riferimento. Sarà una sfida importante, un banco di prova per la nostra squadra. E noi siamo pronti ad affrontarla mettendo sul parquet massimo impegno, voglia, determinazione e convinzione. Per regalare anche la prima gioia interna ai nostri tifosi”.