CONDIVIDI

Matera – L’Olimpia Bawer Matera ritrova il successo contro Perugia e lancia la sfida alla capolista Montegranaro. Pochi giorni per recuperare e sarà immediatamente big match. Al PalaSassi giovedì sera, con inizio alle ore 21, arriva la corazzata che conduce, con ampio margine, il raggruppamento D della serie B di basket. Non c’è tempo e modo per godersi la vittoria che vale i 24 punti in classifica, bisogna guardare già oltre.

La dirigenza spera di aver avuto le giuste risposte dai ragazzi in campo, in attesa della conferma contro Montegranaro. “I ragazzi hanno giocato nella consapevolezza che bisognava fare di più, soprattutto rispetto a Campli – spiega il presidente dell’Olimpia Bawer Matera, Pasquale Lorusso –. Noi gli siamo sempre vicini, ma in campo è il loro contributo che diventa fondamentale.

E’ stata anche questa una partita difficile, forse con un arbitraggio non rispondente alle attese. Tutti devono capire le gare e i momenti che si vivono, soprattutto chi va in campo. Bisognerebbe concentrarsi al massimo, sempre”.

Sul prossimo match pochi dubbi. “Abbiamo tutte le possibilità di affrontare a viso aperto e anche superare Montegranaro – continua Lorusso –. Le qualità e le capacità ci sono, basta seguire l’allenatore e dare il massimo in ogni fase del gioco per disputare la partita perfetta e prenderci una bella soddisfazione”.

“E’ stata una partita surreale, molto tosta – esordisce il capitano biancazzurro, Gianni Cantagalli –. Sapevamo che avevano tre giocatori bravi nel tiro da fuori e purtroppo, come spesso capita, qui tutti si esaltano. Poi l’espulsione di Ale (Grande, ndr) ci ha messi un po’ in difficoltà, ma siamo riusciti a recuperarla bene, anche se siamo arrivati stremati a fine gara. Possiamo dirlo, siamo stati bravi a non mollare mai”.

Sulla situazione mentale, poi, il capitano aggiunge: “Dobbiamo essere un po’ più tranquilli in queste gare, per affrontarle al meglio”. La testa e il pensiero volano immediatamente all’atteso incontro di giovedì. “E’ la partita più importante per noi, quella che ci dirà chi siamo veramente. Possiamo giocarcela al meglio e siamo pronti a dare tutto in campo”.

Un PalaSassi che diviene un fortino, ma che Cantagalli sogna di rivedere pieno. “Mi dispiace per il PalaSassi un po’ vuoto. Sappiamo che è un momento difficile, ma proprio ora servirebbe più calore, per uscirne insieme. Noi siamo un po’ come gli attori a teatro, con il pubblico ci esaltiamo, diamo di più, ci carichiamo di maggiore voglia e responsabilità. Spero di rivedere già da giovedì tanto calore in più sugli spalti”.

Un tema trattato anche dal Team manager, Cristiano Grappasonni, che il PalaSassi stracolmo l’ha vissuto pochi anni fa da giocatore. “La risposta dei ragazzi è arrivata. Si è visto che aumentando l’intensità difensiva possiamo migliorare tanti aspetti. Se regoliamo il modo di giocare in questo aspetto, possiamo giocarcela contro chiunque e fare bene sempre. Ora contro Montegranaro serve il pubblico delle grandi occasioni.

Giochiamo contro la capolista e mi piacerebbe rivedere il PalaSassi pieno come una volta. L’ho vissuto e posso assicurare che è un bello spettacolo. La società sta lavorando ed ha grande progettualità. Sono certo che riusciremo a tornare in tanti al palazzetto, ma serve il contributo di tutti. Spero che già da questa infrasettimanale possiamo accogliere un pubblico più numeroso e che aiuti la squadra a vincere”.