CONDIVIDI

NATALE IN CASA CUPIELLODomenica 30 Dicembre 2012, al Teatro Duni di Matera ore 20.00, il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa presenta in prima assoluta per il Sud: “Natale in casa Cupiello”, di Eduardo De Filippo, adattato, diretto e interpretato da Fausto Russo Alesi. Lo spettacolo, presentato in prima europea a Milano, ha riscosso grande successo. L’unico bravissimo interprete Fausto Russo Alesi ha ricevuto al termine del debutto oltre sei minuti di applausi da spettatori entusiasti. La critica nazionale non risparmia elogi per questo lavoro coraggioso e pienamente riuscito di adattamento e messinscena che vede Alesi interpretare tutti i personaggi del capolavoro di Eduardo, riuscendo a mettere ancora più a fuoco non solo le dinamiche familiari ben descritte dalla drammaturgia ma soprattutto, e con efficacia disarmante, la solitudine di ciascun personaggio.

Il rapporto di collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano avviato nella stagione teatrale scorsa dal ‘suggeritore artistico’ Antonio Calbi, ha permesso quest’anno di avere a Matera la nuova produzione del più importante teatro italiano, fondato da Giorgio Strehler e Paolo Grassi. Un buon inizio per il Consorzio Teatri Uniti della Basilicata che con questo sforzo produttivo di alto prestigio cerca di reinserire la nostra Regione nell’alveo dell’eccellenza teatrale italiana.

Scheda dello spettacolo

Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa
Natale in casa Cupiello
di Eduardo De Filippo
adattato, diretto e interpretato da Fausto Russo Alesi

scene Marco Rossi
luci Claudio De Pace
musiche Giovanni Vitaletti
genere Prosa
durata 1 ora e 45 minuti senza intervallo

Perché vederlo? Perché è uno dei capolavori di Eduardo De Filippo. Per scoprire come Fausto Russo Alesi, Premio UBU 2012 come miglior attore non protagonista per ‘Santa Giovanna dei macelli’, regia di Luca Ronconi,  abbia tradotto un testo corale in una rilettura in forma di “assolo”.

È con gioia, paura, emozionata curiosità ed una buona dose di follia, che mi avventuro alla scoperta del teatro di Eduardo De Filippo.
È da molto tempo che coltivo il desiderio di accostarmi a questo grande attore-autore-regista e al suo patrimonio drammaturgico e Natale in casa Cupiello, in questa versione solitaria, mi è sembrato un modo possibile, una chiave d’accesso per incontrare la sua arte e il suo linguaggio. È difficile definire Natale in casa Cupiello, perché è un testo semplice e complesso allo stesso tempo. Semplice perché popolare, familiare e complesso perché umano, realistico sì, ma soprattutto metaforico. Quando leggo Natale in casa Cupiello, ho la sensazione di trovarmi davanti ad un meraviglioso spartito musicale, un vibrante veicolo di comunicazione, profondità e poesia.
Voglio partire dalla malinconia di un’assenza. In casa Cupiello scorre la vita di una famiglia, la vita del teatro, le fatiche, la ricerca di una felicità e di una bellezza fuori della quotidianità. Anche se la cifra è quella della leggerezza e dell’ironia, dal testo emerge una vena piuttosto amara e desolante. È una famiglia la cui identità è alquanto precaria, non si dialoga più veramente ma si monologa, ed è per questo che credo nella sfida di attraversare questa storia in solitudine. E vorrei che questo  effetto straniante di vedere un unico attore posseduto da tutte queste voci aiutasse il pubblico a vivisezionare le tematiche bellissime della tragicommedia.
Ho scelto di utilizzare il mio corpo come unico strumento per suonare questo dramma dell’io e della solitudine, immaginando uno spettacolo d’evocazione tra il sonno e la veglia, tra la vita e la morte, tra lucidità e delirio, tra memoria e presente, tra il palcoscenico e la platea, ossessionato dalle domande: “Te piace o Presebbio?”, “Addo’ sta’ o Presepio?”.
Fausto Russo Alesi