CONDIVIDI

Tra sacro e profano, nell’ambito della tradizionale “Java e madhe” arbereshe , la Pro Loco Barile, ospita -con l’Associazione “Basilicata in Arte”- la seconda Rassegna Artistica del Liceo Artistico “M. Campanile” di Melfi.  Ha coordinato l’allestimento al primo piano dell’ottocentesco Palazzo “Frusci” la professoressa Carolina ARNAU.L’inaugurazione ieri della rassegna, aperta sino a lunedì 9. Nella sala attigua, il direttore artistico della ProLoco ,Antonio Volonnino, propone un bel numero di fotografie d’archivio in bianco-nero relative alle passate edizioni della “Via Crucis”, che festeggia il 400° anno di fondazione . 
Per l’occasione , a Milano , il professore Geppino Carfagno , da anni emigrato con la famiglia in Lombardia ed attaccatissimo alle più sane tradizioni antropologiche del Vulture, ha dato vita ad un’installazione nella millenaria Abbazia di Crescenzago (Mi) con le atmosfere ancestrali e mistiche della “Missione” barilese ed offrendo a tutti i visitatori i provocatori “ceci arrostiti e cannellini” della sfavillante “Zingara” che , secondo le scritture, avrebbe fornito i chiodi per la crocifissione dell’Uomo, due mila anni fa.

Donato M. MAZZEO