CONDIVIDI

MONTEVERDE (AV) AGOSTO 2015.TANTI LUCANI A VEDERE IL PIU’ GRANDE SPETTACOLO DELL’ACQUA. OPERA DEDICATA A GERARDO MAIELLA, IL SANTO DEI POVERI CON MAGIA DI LUCI, MUSICA E BALLO.

Grande_Spettacolo_dell_Acqua
Il finale del Grande Spettacolo dell’Acqua

Monteverde (Av).Oltre 50 mila presenze, al grande Spettacolo dell’Acqua del piccolo centro Irpino, a pochi km dai Laghi di Monticchio, un record senza precedenti. A fare da palcoscenico, il lago S.Pietro di questa piccola cittadina di poco più di 600 abitanti, classificatosi al 2° posto nell’ultima edizione”I Borghi più Belli D’Italia”. Il Grande Spettacolo dell’Acqua, realizzato da “La Fondazione Insieme per…” ( con i suoi progetti di solidarietà verso i bisognosi) è tutta una scena imponente, a partire dall’allestimento della scenografia costruita interamente sull’acqua, alla magia delle luci e della musica; dal corpo di ballo, allo straordinario testo dedicato a Gerardo Maiella il Santo amico dei poveri.. Carmen Vella di Venosa è insieme a Piergianni Manca, la coreografa ( vale a dire la responsabile della messa in scena dello spettacolo) de Il Grande Spettacolo dell’Acqua: “Dopo otto anni di grandissimi consensi il grande spettacolo dell’acqua alla sua nona edizione necessitava di essere ripensato e riorganizzato: questa edizione è tutta nuova. L’impianto scenico è stato ulteriormente ampliato, arrivando con una piattaforma fino a terra. La messa in scena è ricca di tecnologia avanzata, che insieme all’elemento acqua rende la spettacolarizzazione unica nel suo genere. Il cast si è arricchito di 30 artisti tra danzatori ed attori e di oltre 100 figuranti del territorio.

Continuiamo a raccontare la storia di San Gerardo Maiella, un giovane che ha camminato attraverso le nostre terre, che ha portato conforto e speranza alla nostra gente. Coraggioso ed innamorato del prossimo più debole e bisognoso, per il quale ha dedicato l’intera vita. Una figura moderna e quanto mai attuale, che con l’attenzione verso i bambini come speranza del mondo, e le donne come custodi preziose della vita diventa modello di operato per ciascuno di noi. Ciò che rende unico questo spettacolo è l’insieme di anime e di cuori che con sacrificio, passione ed immensa sensibilità rende realtà un grande sogno condiviso: la Fondazione Insieme per…”. In tanti dal Vulture-Melfese a seguire questo spettacolo ( pullman partiti da Venosa, Lavello, Atella, Ginestra). Franco Mollica consigliere regionale originario di Venosa ha apprezzato questo spettacolo: “… alti valori nobili, dalla solidarietà all’abnegazione e amore per il prossimo si intrecciano in un’ora e mezza di spettacolo”.Marcello Duilio da Ripacandida ( l’ha accolto un collega di lavoro, Domenico Freda) era presente con la moglie ed il figlio: “Un grande spettacolo sia dal punto di vista artistico che spirituale. Mia moglie si è commossa varie volte e anche mio figlio Donato era estasiato dai giochi d’acqua e di luci. Io personalmente ho apprezzato l’aspetto organizzativo, tanti ragazzi ma anche anziani, che svolgevano attività volontaria d’accoglienza e di ordine pubblico.

Ho anche scoperto che esiste una partenership con i Comuni limitrofi, Aquilonia, Lacedonia, Bisaccia a dimostrazione che quando c’è sinergia tra piccoli Comuni, si possono realizzare grandi opere.
Mi è subito venuto in mente il contrasto con le nostre piccole comunità, non in grado di creare sinergia, in difficoltà a mettere in piedi un comitato feste per il santo patrono, dove le tradizioni, gli usi e i costumi si stanno perdendo di anno in anno. Noi tutti cittadini dovremmo al più presto riscoprire lo spirito di servizio, d’abnegazione, che permette a ogni comunità di recuperare e conservare il tesoro, che la storia ci ha lasciati”. Gianni, Maria, Rina e Pippo, emigranti della Lombardia ed Emilia Romagna, da anni ritornano a Ginestra, hanno assistito per la 1^ volta a questo spettacolo: “trasmette emozioni, messaggi di amore che troppo spesso li mettiamo nel cassetto. Complimenti agli organizzatori”.