CONDIVIDI

Montemilone – Da Montemilone a Carugate (Lombardia) per la passione e l’attaccamento alla D.C. Giuseppe Laccertosa, convinto assertore della vecchia D.C. spiega i motivi di questa sua scelta: “nella giornata del 3 dicembre a Carugate per me e’ stata una esperienza fantastica per tanti motivi, guardate a volte si è abituati a dire che chi ricopre cariche politiche alte e’ figlio di chi ha avuto una vita adagiata, invece quando si dialoga si comprende che i tuoi problemini sono niente di fronte alle necessità e ai problemi di chi ti sente.

Carugate La sede della Democrazia Cristiana
Carugate La sede della Democrazia Cristiana

Da questo fatto è scaturito in me la pazza voglia di continuare a fare politica in un partito che non mi ha mai dato niente, ma mi donò la cultura e la forza del fare. Mi sono affiancato alla D.C. per il fatto che di far istituire nel mio paese un banco posta, non è una necessità solo personale ma, ma collettiva. Io lavoro a Palazzo San Gervasio e come me tanti altri, è un diritto perchè paghiamo le tasse per servizi che non abbiamo, forse perché ormai qua in ITALIA si parla omai della quantità e non della qualità. Ho voluto aderire al il simbolo storico quello della Democrazia Cristiana, molti diranno ma come esiste ancora? Io rispondo che non solo esiste ma a Milano ho anche conosciuto i vertici nazionali di questo partito che ha fatto la storia di questo paese.

Altri diranno, ha scelto la D.C. per ricoprirsi di attenzione per la disabilità che ha, miei cari forse non tutti mi conoscono, non è cosi questo convegno è partito da me, difatti nel mese di ottobre conobbi ed accompagnai mia figlia all’Expo di Milano, fu in quell’occasione che conobbi il sig. Michele Lodato, segretario regionale della D.C. e proposi l’indizione di un convegno che si fece il 3 dicembre scorso. Durante i lavori del convegno, mentre io parlavo vedevo gente a fianco a me con gli occhi lucidi, per me sono sensazioni indescrivibili perché oggi si è abituati a parlare tanto, a scagliarci l’un contro l’altro senza che nessuno veda nel quotidiano di cosa veramente bisogno nel nostro quotidiano. Questa è la verità, do un consiglio ai giovani, studiate, la cultura vi ripagherà. Sono tornato in vita, là dove ho iniziato a lottare”.