CONDIVIDI
Montemilone
Montemilone

Montemilone, 2014-02-04 – “ Con 4 voti a favore ( Mennuti – Iezza –D’Amelio –Festagallo ) e due contrari ( Addese – Ciaccia ) è stata dichiarata inammissibile la richiesta di discutere, in Consiglio Comunale, lo scorso 28 gennaio,delle avvenute dimissioni da Assessore del consigliere Addese , avanzata da un quinto dei consiglieri comunali ai sensi dell’art.14 del Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale” a dichiararlo il Comitato Civico “Responsabilità, Trasparenza, In…forma”.  Filippo Ciaccia componente di questo comitato civico e consigliere comunale di minoranza approfondisce l’argomento: “  Si è voluto artificiosamente ricorrere ad un tecnicismo per impedire una franca discussione politica.  Forse si temeva che l’ex Assessore volesse scoprire più di un altarino e mettere a nudo le magagne di un’Amministrazione conservatrice e clientelare, capace soltanto di far prevalere gli interessi di alcuni a scapito dei diritti di tutti.

Una Amministrazione che attua una politica clientelare , di favoritismi , di protezione e tutela di privilegi ingiusti e ingiustificabili che è sempre più deleteria e non fa che alimentare ed allargare le ingiustizie esistenti. Vengono aumentate le aliquote per l’addizionale Irpef , aumentate le aliquote dell’Imposta Municipale Propria , alla Tarsu si aggiunge la Tares tartassando sempre più i cittadini. Dopo aver pagato la Mini Imu sulla prima casa, ora devono pagare, entro febbraio, anche la Tares! A fronte di una tassazione sempre più pesante e diventata sempre più insostenibile , cosa hanno in cambio i cittadini Montemilonesi ?  Servizi scarsi del tutto scadenti, strade dissestate ed impraticabili ,illuminazione pubblica inefficiente ed intermittente o del tutto assente.

Raccolta dei rifiuti inefficiente, strade secondarie completamente invase da sporcizia varia, rifiuti di ogni genere, erbacce incontrollate che diventano rifugio di topi e animali selvatici. Antonio Ferrente, altro componente del Comitato Civico, aggiunge: “Non si può evitare una pubblica discussione su un tema che ha incuriosito la popolazione di Montemilone e si continua, in modo imperterrito ad ignorare la legge 69/2009 che impone le amministrazioni di pubblicare di tutti gli atti comprese le pubblicazioni dei consigli comunali. Naturalmente non mancheranno occasioni per continuare ad elencare in modo dettagliato le manchevolezze della nostra Amministrazione Comunale e portarle a conoscenza dei concittadini e delle istituzioni preposte, naturalmente non più le stesse”.

L.Z.