CONDIVIDI
Montemilone Daniele Sepe promotor di quest'anno.
Montemilone Daniele Sepe promotor di quest’anno

Montemilone – Per la terza edizione dello “Ndruzz festival”, dopo lo straordinario successo di Daniele Sepe e della sua band partenopea, i CSS ( acronimo dei “Cum’ Sciamma Sciamm’” che sono il comitato organizzativo del festival) hanno annunciato che il protagonista musicale di questa edizione sarà il cantautore, poeta, attore e performer livornese Bobo Rondelli.

Un artista che non ha bisogno di presentazioni, che vanta collaborazioni di primissimo livello, tra cui ricordiamo quella con Stefano Bollani nell’album “Disperati, intellettuali, ubriaconi” del 2002 e con Paolo Virzì che gli dedica persino un road-movie dal titolo “l’uomo che ha picchiato la testa”. Un artista melanconico, assai diverso dall’esplosiva presenza di Sepe ma che condivide con l’artista napoletano l’enorme spessore culturale e la grande sensibilità artistica.

Bobo Rondelli è una scelta meditata che vuole aprire dibattiti importanti e riflessioni profonde sulla vita e sul ruolo che ciascuno di noi ha nella vita degli altri in un ambiente, quello montemilonese, e lucano in genere, disabituato ad affrontare temi di questo genere .

”Rondelli-riferisce Nicola Riccardi,uno degli organizzatori, tutti giovani- chiuderà un festival dicendo la sua, offrendoci la sua idea su quanto possa essere difficile sentirsi soli in mezzo agli altri, e in compagnia pur restando soli. L’artista livornese si esibirà il giorno di ferragosto in Piazza degli Emigranti, in pieno centro storico, in una cornice magnifica che lascerà spazio alla magia e all’incanto.

Una serata da non perdere per nessun ragione al mondo anche perché è l’ennesimo tassello di quel puzzle che il festival tenta di ricostruire e che seguendo le sponde del Mediterraneo scopre le diverse coloriture dei suoni che hanno fatto della musica mediterranea uno strumento di unione e condivisione tra le culture. Il concerto di Rondelli sarà tuttavia, l’epilogo di un percorso che lo Ndruzz festival ha inaugurato il 06 agosto in Piazzetta Municipio dove oltre alla proiezione di documenti che affrontano in modo fortemente incisivo il tema dell’abbandono e della solitudine, ci sarà un dibattito aperto a tutti coloro che parteciperanno all’iniziativa volto a costruire significati non ancora emersi sui temi suddetti.

La seconda serata dello Ndruzz è stata il 9 Agosto quando nella stessa Piazza storica si esibirà il gruppo folkloristico montemilonese con canti e balli tipici della tradizione popolare, una serata che riscopre il passato e che guarda al futuro e che cerca di cristallizzare nella memoria collettiva un’identità, elemento che al giorno d’oggi rischia di perdersi nella congerie di identità che il variegato calderone della società multiculturale ci offre.

La serata conclusiva del festival, come precedentemente descritto, sarà il 15 Agosto in piazza degli emigranti dove nella cornice suggestiva offertaci dalla luna e dalla Chiesa Madre alle spalle del palco avremo modo di ascoltare la voce e le parole a volte grintose, altre volte dolcissime di Bobo Rondelli, pronte a colpire le corde della nostra anima e le ragioni della nostra mente. Insomma, in breve, un appuntamento da non perdere assolutamente”.