CONDIVIDI

fenice melfiPotenza, 2013-05-14 – Dall’eredità dell’inchiesta “Rifiuti Connection” nasce questa video-inchiesta sulla gestione dei rifiuti in Basilicata con un focus sul Vulture. Partendo della cementeria Costantinopoli di Barile, il viaggio vede come tappe la discarica Cafaro di Atella, quella di Notarchirico di Venosa, fino a giungere all’inceneritore Fenice di San Nicola di Melfi, anello finale del ciclo dei rifiuti basato sull’incenerimento e lo smaltimento in discarica. Un destino quello dei rifiuti molto lontano dalle politiche incentrare sul riciclo, riuso, del recupero a freddo, step per giungere a zero rifiuti.L’obiettivo di questa video-inchiesta è tentare di tracciare i limiti dell’attuale gestione dei rifiuti in Basilicata con una raccolta differenziata drogata dal ricorso al multimateriale. Un viaggio nei luoghi della monnezza del e nel Vulture, uno spaccato delle tante situazioni che dimostra come la vera raccolta differenziata (a freddo e per frazioni merceologiche) sia ancora utopia per amministrazioni regionali, provinciali e comunali. La via dei Rifiuti Zero è la linea da seguire. [Con voce narrante di Tonia Bruno]. Il video è visibile qui: Monnezza destination