CONDIVIDI

pane e cioccolatoMoliterno,2013-09-04  – Ancora un’ anteprima per la sesta edizione de “Le Visioni Altre”, rassegna che bandisce passerelle, glamour e chiacchiere vuoto per mettere al centro i film ed un “cinema di pensiero”. Il 5 settembre al Circolo Culturale Unione viene presentato, in contemporanea con le giornate del settantesimo Festival di Venezia un altro capolavoro della cinematografica italiana da poco restaurato: la commedia del 1973 di Franco Brusati “Pane e cioccolata”. “Il film – come scrisse Alberto Moravia nella sua recensione sull’Espresso – è una specie di match nullo tra Brusati e Nino Manfredi il protagonista. Nella prima parte prevale Manfredi e abbiamo un commedia all’italiana con non poche citazioni chapliniane.

Nella seconda Brusati, e abbiamo un film d’autore, di tipo espressionistico, aberrante e stravagante come un incubo o come un’opera d’arte”. La pellicola affronta il problema dell’emigrazione italiana che è ancora forte un secolo dopo la partenza dei bastimenti dai porti di Genova e Napoli. La storia è quella di Nino Garofalo (Manfredi), un cameriere onesto che emigra in Svizzera, qui, oltre ad essere disprezzato dagli abitanti del cittadina che lo ospita, è avvinto da un senso di inferiorità che lo porterà a schiarirsi i capelli e a parlare tedesco per nascondere a se stesso e agli altri la propria origine meridionale. Farà di tutto per conciliare lavoro e dignità e restare in Svizzera, nonostante il disprezzo che gli portano gli svizzeri e la nostalgia per l’Italia. Una delle migliori interpretazioni di Manfredi, ma il merito è soprattutto di Brusati (regista che dovrebbe essere riscoperto e rivalutato) che firma pure la sceneggiatura. Le Visioni Altre prevedono ancora un’anteprima l’11 settembre con “Paisà” di Roberto Rossellini, mentre il 18-19 settembre si svolgeranno le “giornate vere” del piccolo (ma impegnato e provocatore) contenitore ideato e diretto da Mimmo Mastrangelo e promosso dalla Provincia di Potenza.