CONDIVIDI
Coltivazione di fragole allagata
Coltivazione di fragole allagata

Policoro (MT), 2014-04-06 – E’ la seconda volta che succede nel giro di due anni, la condotta del Consorzio di Bonifica è esplosa e la fetta più grossa del raccolto delle pregiate fragole Candonga è finita sott’acqua. Per Pino Melidoro, che ha la sua azienda lungo Via Lido a Policoro, l’amara scoperta sabato mattina, il suo campo invaso dall’acqua, fragole perse, accordi commerciali saltati, un pezzo di economia che se n’è andato, indotto aziendale sgretolato.Erano già pronte quindicimila casse che avrebbero dovuto ospitare i frutti devastati la notte scorsa. Quest’anno tutto sembrava andare per il meglio, oltre alle richieste di fragole, l’entusiasmo che ha accompagnato la creazione e l’adesione al Club Candonga, valore aggiunto per la produzione di qualità. Invece il campo, circa due ettari e mezzo, invaso: un mare d’acqua. La condotta a monte ha rilasciato acqua con una portata impetuosa.

Gli unici tratti che si sono salvati erano quelli rialzati, dopo l’allagamento dello scorso anno ho adottato delle precauzioni che non sono bastate. Ho creato solchi di scolo delle acque molto profondi ma non hanno retto, la portata è stata fortissima. Fino all’altro giorno facevano 22 – 23 quintali di fragole, ora nulla è finita. “Chiederò il risarcimento danni a chi di competenza. Ho degli impegni e il mio reddito ora è zero. Per fortuna le banche mi danno fiducia, però se non raccolgo come faccio. Va bene la solidarietà – spiega Melidoro – ma non basta: ho bisogno di fare reddito. Ora qualcuno provveda, il Consorzio di Bonifica faccia la sua parte, non spetta a me dire come si devono fare le condotte, io faccio un altro mestiere che è l’agricoltore e cerco di farlo nel miglior modo possibile”.