CONDIVIDI

OLYMPUS DIGITAL CAMERAMelfi, 2013-05-31  – Conoscere più da vicino l’eclettico Federico II e rivivere usi, costumi e abitudini della sua corte, esempio di società aperta ed inclusiva. Il tutto attraverso il lavoro dei piccoli allievi della scuola primaria e dell’infanzia dell’Istituto Comprensivo “Ferrara – Marottoli” incuriositi prima, e affascinati poi, da una pagina storica di grande prestigio per la Città di Melfi. Il progetto, partito a febbraio, si è articolato in una fase iniziale del “sapere”, durante la quale docenti e alunni sono stati impegnati nella ricerca di informazioni attraverso lo studio di disegni, testi scritti, biografie e materiale digitale e in quella successiva del “fare” durante la quale sono stati allestiti diversi laboratori. La conclusione, dopo mesi di lavoro, nei giorni scorsi con ricca manifestazione ospitata nelle sale del castello tanto caro all’imperatore e alla quale hanno preso parte oltre ai bambini, i genitori, i dirigenti scolastici Maria Cirocco e Michele Masciale e le insegnanti che hanno coordinato le attività, Palmira Ruggiero, Rina Montanarella, Marica Quaglietta e Maria Ferrenti.

“La cosa che ho apprezzato maggiormente di questo progetto – ha commentato la dirigente scolastica, Maria Cirocco – è stata la ricaduta sui bambini che, lavorando in gruppo, hanno avuto la possibilità di imparare divertendosi. Ed è proprio questo il fine della scuola”. “Un plauso particolare – ha aggiunto la dirigente scolastica – va agli insegnanti che hanno lavorato bene e messo a disposizione il loro tempo libero”. Il progetto dal forte intento educativo ha incontrato anche i favori dell’Assessore all’Istruzione, Rosa Masi: “Un nuovo modo di insegnare la storia – ha commentato l’Assessore – che va ben oltre la formazione tradizionale appresa dai libri e lascia campo libero alla fantasia dei piccoli allievi, protagonisti di un percorso di crescita didattica e di arricchimento personale”. Durante la manifestazione è stata inaugurata anche la mostra archeologica – didattica che già nel titolo “Una passeggiata alla corte dell’Imperatore Federico II tra poesia, musica e…gusto” sintetizza la sua essenza; mostra che resterà aperta al pubblico sino al prossimo 27 giugno.

Tanti i lavori in esposizione: dalle pergamene riportanti la riforma sanitaria al frontespizio delle Costituzioni Melfitane, dai pannelli riguardanti il trattato sulla falconeria ai falchi tridimensionali. E poi ancora, rifacendosi al sovrano salutista e alla sua passione per la medicina, i bambini hanno stilato una piramide alimentare giornaliera relativa alla corte federiciana, un opuscolo con i cibi e i corrispondenti metodi di conservazione e di cottura e un manoscritto con caratteri gotici. Storia, dunque, ma non solo. C’è stato spazio anche il fascino dell’astronomia, per lo studio della vita agreste e per le delizie del palato. Grazie alla fattiva collaborazione con l’I. I. S. “G. Gasparrini” è stato poi offerto ai numerosi ospiti un menù a base dei piatti tipici dell’epoca. Infine, non sono mancati i momenti ludici: i più piccoli infatti, hanno riproposto giochi divertenti, come il tradizionale gioco dell’oca in una versione tutta melfitana, e si sono poi esibiti in danze e musiche medievali indossando costumi, rigorosamente dell’epoca.