CONDIVIDI

MELFI – E’ stato quasi commovente , assistere ad un Consiglio Comunale “Aperto”  nella sala consiliare del palazzo di Città , per l’alto e qualificato consesso .Una folta ed articolata presenza istituzionale, parlamentare , regionale e locale (di cui in altra parte del Quotidiano , a cura  del Collega Emilio Fidanzio) hanno dato risalto alla serietà ed alla compattezza  della “lotta” intrapresa , per salvare –e ne ha tutte le carte in regola- il terzo Tribunale della Regione Basilicata (a cui ha aderito  pienamente e con tutta la forza istituzionale di cui dispone Vito de Filippo, Presidente –Governatore della Basilicata).

All’occhio del cronista, comunque, non poteva sfuggire qualcosa a cui pur bisogna dare una risposta  e/o eventualmente chiarimento o giustificazione .I Tribunali della regione se continueranno ad esistere sono una “Risorsa ” di tuttala Basilicata, di destra, di sinistra, di centro

La rappresentanza Parlamentare della Basilicata era , ieri mattina a Melfi, tutta presente  ed impegnata ( tranne qualche Senatore, occupato altrove, da Bubbico, Antezza  a Belisario).

Idem per il livello Regionale , nemmeno un assessore (interno-esterno) ha ritenuto di dovervi partecipare.

La Provinciadi Matera assente (salvo che non sia stata invitata) , non c’è stato nemmeno il Presidente della Provincia di Potenza, Lacorazza, solitamente molto attento alle strategìe della comunicazione istituzionale che ha delegato , l’incombenza, all’assessore  Pietrantuono del luogo ed altri consiglieri provinciali;  compreso il Presidente dell’Area Programma , fra l’altro, anche sindaco , appena riconfermato,  di Rapolla , Sonnessa..

Tutti i sindaci dell’Area e quello di Potenza, Santarsiero,  presenti, con tanto di fascia tricolore, tranne il sindaco di Ginestra , Pepice.

A fare da contraltare a tali evidenti “assenze” una foltissima  rappresentanza di cittadini , giovani e dirigenti politici del territorio , pronti a continuare “la battaglia” anche nelle prossime settimane , decisive!!!