CONDIVIDI

Melfi – In un clima di grande festa e convivialità si è rinnovato, a Melfi, il tradizionale appuntamento con “Viaggio a cavallo”, iniziativa organizzata dai cavalieri del Centro Ippico Melfese, presieduti da Michele Bagarozza, in collaborazione con il Centro A.I.A.S. e con il Centro Equestre “La Gabbianella”.

Viaggio a Cavallo
Viaggio a Cavallo

Un’edizione, la 18esima, scandita da più momenti: alcuni divenuti ormai rituali, come le passeggiate tra i boschi del Vulture e le contrade melfitane, altri sempre suggestivi, come la passeggiata lungo le principali vie cittadine con i cavalieri che, con incedere fiero e orgoglioso, hanno sfilato in sella ai loro compagni di viaggio ed altri particolarmente emozionanti come l’arrivo in Piazza Duomo dove ad accogliere l’allegra carovana, nei pressi della Porta Santa, c’era Don Ciro Guerra che ha benedetto fantini e cavalli. “Per me è stato un momento molto toccante – ha commentato visibilmente emozionato Don Ciro – come sacerdote e come uomo”.

Viaggio a Cavallo
Viaggio a Cavallo

Durante la sosta per la benedizione, una novità introdotta quest’anno in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia, il sacerdote ha rimarcato l’importanza e i risvolti benefici dell’ippoterapia: “E’ una gioia vedere i ragazzi socializzare e sentirsi al centro dell’attenzione in un contesto dove il cavallo, nobile creatura di Dio, svolge una funziona educativa e ci insegna a rispettare le persone e il creato”. Nel corso dell’iniziativa sono stati oltre una trentina i ragazzi – diversamente abili e non – che, in perfetta sintonia e all’insegna di una totale integrazione, si sono avvicendati in sella ai cavalli.

Viaggio a Cavallo
Viaggio a Cavallo

Differenti le fasce di età, eguale l’entusiasmo palesato al momento della consegna delle medaglie e immortalato nelle consuete foto di rito. Infine, sono state consegnate targhe ricordo ai rappresentanti dell’AIAS, del Centro di Riabilitazione Equestre, del Centro “La Gabbianella”, della locale Amministrazione Comunale e agli sponsor ai quali va un grazie di cuore per aver consentito, anche quest’anno, con il loro sostegno la realizzazione della manifestazione.
Lorenzo Zolfo