CONDIVIDI

MELFI LUGLIO 2015. UN SUCCESSO IL 17° VIAGGIO A CAVALLO ORGANIZZATO DAL CENTRO IPPICO MELFESE ED AIAS.

passeggiata a cavallo
Passeggiata a cavallo

Melfi (PZ), 10-07-2015 – Sguardi fieri, sorrisi contagiosi, paesaggi mozzafiato e differenze che, in sella a cavalli amabili e mansueti, si sono annullate del tutto. Questa, in poche parole, l’istantanea del 17esimo Viaggio a cavallo. Una tre giorni intensa e molto sentita vissuta in un clima di grande festa, tra boschi e contrade melfitane. L’iniziativa – organizzata dai cavalieri del Centro Ippico Melfese in stretta collaborazione con il presidente Giulio Bagnale, Roberto Torraca, Mariagrazia Mavillonio e Pina Grimolizzi del Centro Aias di Melfi; Rosetta Irenze e Sonia Varallo del Centro di Riabilitazione Equestre – è stata scandita da più momenti e caratterizzata dalla perfetta fusione tra l’aspetto prettamente terapeutico e l’armonica integrazione tra ragazzi normodotati ed alcuni ospiti del centro Aias, a cui si è aggiunta la componente educativa e culturale.

passeggiata a cavalloQuest’anno infatti, l’allegra “carovana”, come sempre oggetto della curiosità e dell’ammirazione dei passanti, nel tradizionale giro della Città ha attraversato le principali strade del borgo cittadino scovando gli scorci più suggestivi, percorso le mura che cingono il castello federiciano, attraversato Viale Gabriele D’Annunzio con una tappa anche alla Porta Venosina, sino al rientro nelle scuderie. Immagini da cartolina con i cavalieri che, ammirando alcuni dei monumenti più rappresentativi, si sono magicamente” tuffati” in un passato ricco di storia. Nella serata conclusiva musica e divertimento per tutti e l’atteso momento delle premiazioni con la consegna delle medaglie a tutti i partecipanti e delle targhe ricordo per le Associazioni, l’Amministrazione Comunale, rappresentata dal vicesindaco Luigi Simonetti, gli sponsor che unendo idee, energie e quel grande senso di umanità che le caratterizza, hanno reso possibile lo svolgimento dell’iniziativa. Integrazione che è proseguita anche a tavola dove si sono ritrovati accompagnatori, genitori, operatori del centro Aias, cavalieri del centro ippico del Melfese tra cui il presidente Michele Bagarozza e Antonio Grasso, ma soprattutto loro, i ragazzi, a ricordare che, in fondo, la diversità è solo una questione di prospettive. O meglio una ricchezza da valorizzare.