CONDIVIDI

Melfi buche 5b1Melfi – Il maltempo dei giorni scorsi ha lasciato sicuramente tanti danni in molti paesi. A Melfi la situazione delle buche a cielo aperto sia su strade principali che su quelle secondarie se ne contano a bizzeffe. I cittadini-automobilisti sono infuriati. Su facebook nella pagina “Il cittadino InForna” foto e commenti negativi verso l’amministrazione comunale.  A. M. riferisce: “Sabato 7, ore 21:00, via Foggia. Dell’Italia ne conosciamo la merda, ma dei nostri paesi? Dopo aver chiamato ripetutamente carabinieri e polizia senza nessun intervento mi viene da dire che viviamo in un paese dove il cittadino non è tutelato in nulla. Ebbene sì, giunti alle ore 23:00 e dopo non aver visto in una strada principale neanche l’ombra di una pattuglia e di conseguenza non aver potuto fare nessuna denuncia.. Mi chiedo, anzi Chiedo al sindaco : domani mi paga lei il risarcimento danni di due ruote e due cerchi Audi? E mi paga lei l’attesa delle autorità “fantasma”? Di necessità, virtù!”.

  1. C.: “Sindaco ho appena preso con l’auto l’ennesima buca, una voragine in verità, e mi riferisco a quella in via Corato. Questa, rispetto alle altre di via De Gasperi, Via Taranto, Via Giardini, Via Cadorna, solo per citarne alcune, è veramente insidiosa perché assolutamente invisibile a chi trasborda dal sottovia. Un tonfo, una bestemmia e la corsa a verificare che non ci siano state rotture, una sequenza che si ripete quotidianamente, in più parti della città e comune a molti gravinesi.

Sono certo che le richieste di risarcimento danni stiano fioccando in questi giorni, ma perché non intervenite? Sai che la somma delle transazioni che l’ufficio legale del comune è costretto a ristorare, sarà almeno il quintuplo di ciò che sarebbe servito per ripararle? Ci fate pagare la Tasi per manutentare le strade e illuminarci, ed invece circoliamo al buio in un colabrodo. Siete indecenti e ciò che è più grave, non avete il coraggio di ammettere il vostro fallimento.Nell’attesa che vi decidiate, perché non organizzate almeno un torneo di golf? Le buche ce le abbiamo già, le mazze pure e di palline, che stanno diventando mongolfiere, ne abbiamo in abbondanza”.