CONDIVIDI

Cs Acquaticità in gravidanzaMelfi, 2013-11-16 – La gravidanza è un momento speciale, e nulla meglio dell’acqua può accompagnare la donna in questa fase della vita fatta di attesa e di cambiamenti fisici ed emotivi. E’ proprio partendo da questi presupposti che, l’Unità operativa consultori familiari area nord dell’Azienda sanitaria di Potenza, ha presentato, nell’ambito del convegno “Aprirsi al mondo. Il mio bambino da 0 a 3 anni”, il progetto “Acquaticità in gravidanza”. L’obiettivo non è soltanto quello di promuovere l’attività fisica, ma anche quello di creare affiatamento, cooperazione e condivisione all’interno del gruppo delle gestanti e prepararle al meglio al momento del parto. A testimoniare la vicinanza e la sensibilità dell’amministrazione comunale di Melfi all’iniziativa presentata, l’Assessore Masi che, nel fare gli onori di casa, ha ribadito la piena collaborazione: ” Il nostro impegno è quello di mettere a disposizione la piscina comunale per le prime due giornate di ambientamento che consentiranno alle gestanti di familiarizzare con questa nuova esperienza”.

Un’attività, quella presentata venerdì sera a Melfi nella Sala Mostre del Palazzo di Città, che si aggiunge alle già numerose offerte dagli operatori del consultorio. “Oggi – ha commentato la dottoressa Battistina Pinto, responsabile U. O. S. Assistenza Consultoriale Familiare, Pediatrica e Psicologica Asp Potenza – può sembrare paradossale, ma le nuove generazioni anche se più acculturate sono più deboli e si fanno prendere facilmente dal panico e da mille paure”. “In questo contesto di disorientamento – ha aggiunto la dottoressa Pinto – si inserisce l’attività del consultorio che offre sostegno gratuito a tutela della salute della donna, della coppia e della famiglia in tutte le fasi della vita”.

La nascita dei consultori e l’evoluzione delle sue funzioni sono state ripercorse dall’assistente sociale Giulia Giuratrabocchetti che ha ricordato anche l’appuntamento del prossimo 20 Novembre con la Giornata Mondiale per l’Infanzia e l’Adolescenza. L’incontro è poi proseguito con l’ intervento dell’ostetrica Serafina Delli Gatti e della psicologa Rossella Leopaldi che, rivolgendosi ai numerosi genitori presenti, si è soffermata su un ruolo sempre più complicato.

“La funzione del genitore – ha spiegato la psicologa – è quella di sintonizzarsi mentalmente con le esigenze del bambino per guidarlo e per farlo sentire amato e compreso”. Le conclusioni sono state affidate al pediatra Calogero Mannella che ha sciolto dubbi e perplessità sui tempi e sulle modalità di svezzamento, concludendo con un suggerimento utile per tutti. “La prevenzione delle principali patologie che affliggono gli adulti deve iniziare nei primi mesi di vita”. Tanti, dunque, gli spunti di riflessione e i suggerimenti utili per assolvere al meglio al ruolo di genitore.