CONDIVIDI

mocciaMelfi – Approda nella Città di Melfi il torneo di caratura nazionale “Kickboxing Vultur Night 2”. La conferenza stampa di presentazione dell’evento si terrà venerdì (1 aprile) alle ore 11.30 nella Sala Giunta del Palazzo di Città. Interverranno il sindaco, Livio Valvano, l’Assessore allo Sport, Lucia Moccia ed il direttore tecnico della Nazionale Italiana di Kickboxing, Biagio Tralli. L’evento si terrà sabato 2 aprile, a partire dal pomeriggio al Palasport in via Foggia, con molti match e con il torneo “Elite di K-1 -75 kg” . L’incontro clou della serata, sempre del 2 aprile previsto alle ore 20, vedrà il materano Vito Plasmati sfidare il montenegrino campione europeo “Wako Pro” in carica, Remzija Dacic. Tanti gli incontri dilettantistici e professionisti di Kickboxing. Saliranno sul ring i migliori otto atleti d’Italia che si contenderanno la selezione “Elite nella categoria di peso -75 kg K-1” in una formula a torneo. Una manifestazione sportiva di livello Internazionale che andrà in onda in differita su Rai Sport e non solo. Una kermesse sportiva che permetterà ai media specializzati di diffondere anche l’immagine della Città di Melfi e della terra lucana nei circuiti nazionali.

Nel corso della conferenza saranno resi noti i dettagli dell’evento.

Che cos’è la Kick Boxing e la sua filosofia

Letteralmente il termine Kick Boxing, significa calciare e boxare. E’ infatti una disciplina sportiva che consente l’uso sia delle braccia sia delle gambe con tecniche finalizzate a col­pire le parti anteriori e laterali del viso e del corpo. Viene in particolare enfatizzata la crescita dell’individuo ed il suo sviluppo fisico e psichico. L’avvicinamento a tale sport si articola in diverse fasi:

– inizialmente viene focalizzata l’attenzione sullo sviluppo fisico dell’atleta che di conse­guenza diverrà più resistente alla fatica, con una maggiore consapevolezza di se stesso.

– In un secondo tempo si mira alla crescita intellettuale dell’atleta che, man mano, inizia ad apprendere i concetti tecnici di difesa e attacco ed a imparare ad agire con la propria testa.

– Successivamente l’atleta impara ad accettare e controllare le proprie emozioni, confron­tandosi direttamente con loro, considerandole parte integrante della propria persona ma non sostituibili al pensiero razionale.

I benefici della Kick Boxing

La Kickboxing è oggi considerata al contempo una attività fisica di fitness, che coinvolge la psiche umana nella sua interezza e una vera e propria espressione artistica. La sua pratica determina lo sviluppo di un totale auto controllo sia fisico che psichico ed emozionale. Per questi e altri motivi nessun’altra attività fisica può garantire gli stessi benefici. Un tempo considerata esclusivamente una forma di auto difesa, oggi è riconosciuta dal Coni come at­tività fisica. L’allenamento relativo alla Kickboxing comporta un aumento del tono e della definizione muscolare, un aumento della flessibilità delle articolazioni nonché della capacità cardio vascolare. Allo stesso tempo aumenta la velocità dei riflessi (tempi di reazione) e il coordinamento delle varie parti del corpo umano. Ma, oltre ai benefici fisici, la Kickboxing è in grado di offrire una varietà di benefici psichici:

– aumenta l’auto disciplina dell’atleta;

– migliora la capacità di concentrazione.