CONDIVIDI

Melfi – Inizia bene il Melfi il campionato, anche se ha sofferto più del dovuto contro una squadra che l’anno scorso arrivò al quarto posto in classifica, anche se i giocatori sono stati quasi tutti cambiati. Possiamo dire una vittoria salutare per mister Romaniello contro la sua ex squadra.

La testardaggine del presidente Maglione di disputare a tutti i costi questo campionato è prevalsa. Alla presenza di circa mille spettatori, circa 200 provenienti da Caserta e del vice questore di Potenza, in una giornata soleggiata, la partita all’inizio non ha preso piede. Infatti, bisogna aspettare il 7’ per la prima azione pericolosa dei padroni di casa:tiro-cross di Nicolao, il portiere respinge con difficoltà. Il gioco ristagna a centrocampo.

Al 18’Nicolao, lasciato sempre libero sulla fascia, al tiro, Anacoura mette in angolo, sugli sviluppi del corner battuto da Cittadino, il portiere ospite sventa l’azione.Al 25’ si fa vedere la Casertana, al tiro dalla distanza Giannone, l’ex Gragnaniello ribatte. Al 30’ Gragnaniello nega il gol a De Filippo, gli sbarra lo specchio della porta, uscito dai pali, respingendogli la conclusione, la palla arriva a De Marco, che va subito al tiro, ma l’estremo difensore del Melfi, con un colpo di reni, sventa il pericolo.

Scampato il pericolo, il Melfi al 31’con De Vena conclude oltre la traversa. Nel 1‘ di recupero, un rinvio del portiere ospite viene intercettato da Foggia, ma la palla finisce fuori. Al rientro dagli spogliatoi, pericolo per i locali, De Giosa prima sventa di testa un insidioso cross degli ospiti, e poi sempre di testa, impegna ( involontariamente) il proprio portiere ad una deviazione in angolo. Da poco minuti nella Casertana entra in campo il serbo Rajcic e cambia la partita a favore degli ospiti. Al 54’ Gragnaniello (risultato il migliore in campo), davanti la propria porta salva su Orlando, bravo ad intercettare un tiro di Matute ( anche lui tra i migliori in campo).

Al 60’ tre tiri della Casertana vengono sventati da un attento Gragnaniello:di Rajcic da fuori area, di Orlando davanti la porta e di Matute dal limite dell’area. Al 70’Defendi, che ha preso il posto di Foggia, al tiro, palla fuori.Al 73’ il portiere della Casertana ferma un lanciatissimo De Vena, fuori dalla propria area. Al 79’De Marco davanti la porta del Melfi, su assist di testa di Potenza, manda incredibilmente oltre la traversa! 82’ è ancora Matute con un bel tiro a sorvolare la traversa.85’Gragnaniello salva su un colpo di testa ravvicinato di Orlando.

La partita sembra finire sul pari. All’88’ Gammone, l’estroso giocatore di Venosa,da poco entrato, sulla fascia sinistra si libera bene di un avversario, mette al centro un invitante pallone per De Vena, che da pochi passi, con un tiro,conclude sul palo, ma la palla finisce dentro il sacco. Festa grande trai giocatori, panchina del Melfi e spettatori.

INTERVISTE DI FINE PARTITA.
Mister Nicola Romaniello del Melfi: “pur non avendo disputato una grandissima prestazione, la conquista di questi tre punti sono salutari per la classifica. Ci danno morale.Ho visto bene la difesa. La rosa della squadra è al completo, non è di grandissima qualità, ma è composta da giocatori che hanno voglia di emergere e di mettersi in mostra. Il nostro atteggiamento da tenere in campo in campo sarà quello di sacrifici e voglia di lottare”.

Mister Tedesco della Casertana, ex giocatore della Reggina serie A abbastanza rammarico ha detto: “ la Casertana meritava di più, anche la vittoria. Sono molto soddisfatto della prestazione dei 14 giocatori scesi in campo. Ci è mancato solo il gol. Siamo all’inizio del campionato, sono fiducioso per il futuro.Dobbiamo imparare a finalizzare”.

Il vice presidente Francesco Maglione del Melfi, che ricopre anche la carica di consigliere nazionale della lega calcio ha riferito: “ la lega calcio ha deciso di devolvere il 3% dell’incasso ai terremotati, invece il Melfi da di più, il 10% per dimostrare quanto siamo solidali. In un giorno di grande lutto, l’esito della partita fortunoso ci ha premiati”.

Il presidente del Melfi Peppino Maglione ha concluso gli interventi: “ oggi siamo a gioire a tre mesi dalla retrocessione, è un buon viatico per il campionato. Questa vittoria la dedichiamo alle popolazioni colpite dal terremoto”.

MELFI-CASERTANA 1-0.

FORMAZIONI:

MELFI:Gragnaniello,Bruno,Nicolao,Esposito,Grea,De Giosa,Libutti (al 80’Lodesani), Fazio (al 75’Gammone), Foggia (al 62’Defendi), Cittadino,De Vena.A disposizione:Viola,Ferrante,Dejori,Casiello,Pompilio,Di Vicino,Martino,Sciretta. All:Romaniello.

CASERTANA:Anacoura,Finizio,Pezzella ( al 77’Ciotola), Matute,D’Alterio,Potenza,De Marco,Carriero (al 46’Rajcic), De filippo (al 58’Gala),Giannone,Orlando.A disposizione:Ginestra,Lorenzini,Ramos,Kuseta,Colli,Taurini,Fontanelli.All:Tedesco.

Arbitro: Mastrodonato di Molfetta.assistenti:Falco di Bari-Dibenedetto di Barletta.

Marcatore: al 88’ De Vena.