CONDIVIDI

locandina-amatriceMelfi – L’Istituto d’Istruzione Superiore “G. Gasparrini” di Melfi ospiterà una delegazione dell’Istituto Alberghiero di Amatrice, il comune laziale colpito dal sisma del 24 agosto insieme ad Accumoli ed Arquata del Tronto.Mossa dall’intenzione di voler esprimere con gesti concreti la propria vicinanza alle popolazioni del Centro-Italia, la comunità scolastica del Gasparrini, in collaborazione con l’assessorato Pubblica Istruzione del Comune di Melfi, organizza l’iniziativa

 

“Melfi – Amatrice: la via del cuore”
Insieme per ricostruire la speranza

Si tratta di un evento straordinario che si terrà a Melfi il 20 ottobre,con la diretta testimonianza di quanti hanno vissuto il dramma del terremoto. A guidare la delegazione ci sarà il Dirigente Scolastico, prof. Fabio D’Angelo.

A spiegare l’origine della bella iniziativa è il suo collega melfitano, il Dirigente Scolastico del Gasparrini, Prof. Michele Masciale: “Ci siamo a lungo interrogati su quale potesse essere il modo più significativo attraverso cui contribuire alla ricostruzione post-sismica del Centro-Italia.

Non volevamo lanciare solo gesti simbolici, ma nemmeno volevamo ridurci a raccogliere fondi in denaro. Abbiamo così pensato – consultando docenti e studenti – di mettere insieme le due cose, ritenendole un pretesto educativo e una fonte d’utilità. Ne è venuto fuori un evento corale, col quale s’intende inaugurare un lungo percorso di solidarietà con le popolazioni colpite dal sisma.

Siamo lieti di ospitare la delegazione scolastica di Amatrice: è un fatto straordinario avere docenti e studenti laziali tra noi, perché nessuno può raccontare il terremoto meglio di chi l’ha vissuto.”

Degustazioni tipiche, videoproiezioni, performance creative, dibattiti, laboratori sociali: la scuola scende in piazza per gridare a tutti la voglia di solidarietà.

L’evento – patrocinato dal Comune di Melfi – nasce dalla proficua collaborazione, oltre che di diverse aziende (PastaRummo, Emmedue Salumi, Agrituristica del Vulture) anche delle istituzioni e delle realtà associative locali, come il Rotary Club ed il Lions Club, la Curia Arcivescovile, l’Associazione “Il Tetto”, il CIF, l’Azione Cattolica Italiana, la FIDAPA, La Compagnia De La Terra Nova, l’AIAS, Confindustria Basilicata, Associazione Cuochi del Vulture, l’Università Popolare di Melfi.

È un modo per vivere l’amicizia civile, ma anche un’occasione suggestiva per donare ai delegati, eccezionalmente in visita alla città di Melfi, una quota in denaro, frutto del sacrificio di tanti studenti lucani, da investire nel recupero di alcuni beni patrimoniali che sono stati compromessi dal sisma di fine agosto.

Il programma prevede, alle ore 17,30 presso il Salone degli Stemmi del Palazzo Vescovile, il convegno dal titolo “Terremoti: ricostruire dalle testimonianze” con l’intervento del Sindaco di Melfi Livio Valvano, i dirigenti scolatici Michele Masciale e Fabio D’Angelo, Tullio Iaria della Fabbrica Italiana Droni, Angelo Masi e Felice Carlo Ponzo dell’UNIBAS.
A partire dalle ore 19.00 in Piazza Duomo sarà possibile degustare l’amatriciana, preparata secondo la tradizionale ricetta; i fondi raccolti saranno destinati all’Alberghiero di Amatrice.

Conclude il Dirigente Masciale: “Il nostro è solo un piccolo gesto, ma lo compiamo con il cuore. La Costituzione – di cui tanto si parla in questi giorni – ci ricorda che l’Italia è una e indivisibile. Ebbene, proprio in circostanze drammatiche come queste occorre attivarsi per rinsaldare il vincolo nazionale, per esercitare la solidarietà con impegno e così rinnovare lo spirito di appartenenza ad un solo popolo. Mai come in questi mesi occorre essere uniti. E il Gasparrini non perde occasione per esserlo.”