CONDIVIDI

Si inaugurerà sabato 21 novembre alle ore 18.00, presso lo Studio Arti Visive di Matera, la mostra dell’artista Irene Albano, dal titolo “Materia tra cielo e terra”, a cura dello storico dell’arte Fiorella Fiore. Irene Albano, artista prolifica, presenta le opere prodotte nel 2015, sempre in linea alla poetica del binomio Arte-Natura, ma ricche di nuovi spunti e sperimentazioni tecniche che testimoniano l’evoluzione della sua ricerca.

Irene_Albano

Alla terra, ai fiori, alle foglie, elementi propri del linguaggio dell’artista, si aggiungono stratificazioni materiche date da tessuti e da reti, in grado di modulare il colore con nuovi effetti di luce: la pittrice crea una superficie fortemente espressiva, attraverso un procedimento lungo, laborioso, a metà tra il mero dipingere e lo scolpire. Il fuoco, elemento che da sempre caratterizza la tecnica di Irene Albano, viene utilizzato nella fase finale come una firma che, attraverso l’arte, denuncia la distruzione che l’uomo opera sull’ambiente. Come scrive Angelo Bianco, critico d’arte: “aperta così alle dimensioni astratte della mente e a quelle liriche dell’intimo, l’opera funziona secondo gli effetti dello spaesamento e adotta il linguaggio enigmatico dell’artificio.

Questo, rinunciando alla naturalità, rende precario ogni equilibrio tra forma e senso, figura e significato; così l’essenziale si annulla e la figurazione non vale più per sé, ma come escamotage per mettere in atto le strategie dello sguardo poetico o la sostituzione di codici o la disarticolazione delle regole percettive. Disegno, pittura, scultura, si fondono, il pensiero prende corpo nelle tracce segniche, nelle macchie cromatiche, nella materia modellata”.

Interverranno durante il vernissage, dopo i saluti istituzionali del sindaco di Matera, l’Avv. Raffaele De Ruggeri e del Presidente dello Studio Arti Visive, Franco di Pede, il critico d’arte Angelo Bianco e la curatrice della mostra, Fiorella Fiore.

La mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 30 novembre, dalle 17.00 alle 20.30.
Ingresso libero