CONDIVIDI

Matera – Sabato 19 dicembre alle 21 per la prima volta si esibirà a Matera, Paolo Olmi, uno dei direttori d’orchestra italiani più famosi nel mondo. La prestigiosa bacchetta dirigerà la Young Musicians European Orchestra, una compagine orchestrale di giovani musicisti provenienti da Toronto, Londra, Kiev, Odessa, Parigi, Lione, Berlino, Vienna e Ravenna, che si darà appuntamento presso l’Auditorium “R.Gervasio”, per dar vita al Concerto di Natale 2015. Dell’orchestra faranno parte anche alcuni talenti del Conservatorio materano, Carmen Esposito, Yelena Yakubinskaia, Olga Aragon, Luca Fabrizio e Pierluigi Portadulo.

concerto_di__nataleUn evento, che avrà ingresso libero e gratuito, in grado di coniugare la professionalità di grandi artisti con la solidarietà verso i cittadini più bisognosi, in particolare i bambini. A partire dalle 20 i volontari della Caritas diocesana saranno all’ingresso dell’Auditorium per raccogliere giocattoli e articoli di cancelleria (quaderni, matite, ecc.)  da parte di chiunque voglia donarli.  L’iniziativa, organizzata dal Comune di Matera e dal Conservatorio “Duni”, rientra in un progetto promosso proprio dal celebre direttore d’orchestra di Ravenna che è stato condiviso e sostenuto dal presidente del Circolo culturale La Scaletta, Ivan Focaccia.

programma_concerto_natale“L’idea del concerto a Matera – ha spiegato Focaccia – è nata nel corso di una serata conviviale con amici a Ravenna, dove era presente anche Paolo Olmi, in quella occasione il Maestro mi ha raccontato dei suoi impegni per la realizzazione del tradizionale Concerto di Natale che, inizialmente, doveva svolgersi a Ravenna e Betlemme. Esclusa l’ipotesi Palestina, per motivi di sicurezza, ho desiderato che fosse la Città dei Sassi, ad ospitare il celebre direttore d’orchestra.

Così – ha proseguito il presidente del Circolo – abbiamo organizzato un grande Concerto di Natale che sancisce un gemellaggio ideale tra Ravenna Capitale Italiana della Cultura 2015, che ospiterà il concerto il 18 dicembre, e Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Un gemellaggio- ha concluso Focaccia- che per me ha un significato importante, in quanto sono ravennate d’origine, ma vivo a Matera da molti anni”.