CONDIVIDI
Maschito
Maschito

Maschito, 2013-06-26 – Nel piccolo centro arbereshe, nei giorni scorsi, l’amministrazione comunale ha deliberato il divieto di vendita alcool nelle ore notturne. Ecco i motivi di questa ordinanza, a firma del Sindaco, Antonio Mastrodonato: “Rilevato che negli ultimi tempi si registra nelle vie del paese, in particolare nelle ore notturne, l’eccessivo consumo di bevande alcoliche da parte di giovani, anche minori di anni diciotto, che porta all’inevitabile conseguenza del manifestarsi di schiamazzi, tali da turbare la quiete pubblica, comportamenti violenti ed episodi di teppismo.

Considerate le numerose segnalazioni che provengono da parte della cittadinanza oltre che dalle Forze dell ’Ordine, circa il verificarsi dei fenomeni suddetti, che vedono protagonisti spesso autori di giovanissima età; Tenuto conto che l’abuso di sostanze alcoliche da parte di minori può comportare gravi danni alla loro salute, pregiudicandone lo sviluppo e che pertanto è doveroso assumere iniziative a tutela dei medesimi; Considerato, altresì, che la predetta situazione, che ha assunto proporzioni rilevanti, è collegata anche alla vendita per asporto di bevande alcoliche praticata da numerosi esercizi commerciali, laboratori artigianali, esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e circoli privati presenti nella città, aperti nelle ore serali e notturne; Dato atto che le bevande vendute per asporto vengono consumate all’ esterno degli esercizi e, successivamente, i relativi contenitori vengono abbandonati, senza alcun riguardo per la pulizia dei luoghi, in contrasto con le norme di igiene del suolo e dell’ abitato, costituendo così fonte di pericolo per i soggetti che abitano in quei luoghi e vi transitano;

Ritenuto necessario, per quanto fin qui premesso, adottare con urgenza misure specifiche dirette a contrastare l’abuso di alcol, soprattutto da parte dei minori, oltre che evitare le suddette situazioni di pericolo per le persone che frequentano gli spazi pubblici cittadini ed hanno diritto a fruirne in condizioni di assoluta tranquillità e sicurezza; ORDINA: Su tutto il territorio comunale è vietata la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche in qualsiasi contenitore, di vetro e non, da parte degli esercizi commerciali su aree private e pubbliche, laboratori artigianali, esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e circoli privati, nella fascia oraria dalle ore 01,00 sino all’orario di chiusura delle attività; 2. E’ vietato altresì abbandonare in luogo pubblico o aperto al pubblico contenitori di bevande di qualsiasi genere;

La presente ordinanza viene inviata, per opportuna conoscenza, al Prefetto di Potenza ed al Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Melfi, nonché, per la relativa esecuzione, al Comando della locale Stazione dei Carabinieri ed all’Ufficio di Polizia Municipale. Attesa l’esigenza di sperimentarne l’efficacia, la presente ordinanza avrà validità sino al 31.12.2013. Su facebook sono in tanti a contestare questa ordinanza, soprattutti i giovani. P.Lorusso commenta: “secondo me e´uno scandalo uno che vuole ubriacarsi può comprare le birre bevendole in villa tranquillamente”. M.Musacchio aggiunge: “.mi rendo conto che l’amministrazione comunale ha intrapreso questa iniziativa per tutelare i minori….ma i metodi secondo me sono altri….sarebbe stato più efficace sensibilizzare gli esercenti ad una maggiore osservanza delle leggi e soprattutto organizzare dei convegni magari in collaborazione con le scuole per educare i ragazzi a moderare il consumo di alcool e di droghe…..e aggiungo che per queste non potete farla nemmeno un’ordinanza comunale….”.

Lorenzo Zolfo