CONDIVIDI

Maschito – L’amministrazione comunale del centro arbereshe giudata dal Sindaco Antonio Mastrodonato dopo le elezioni comunali vinte lo scorso mese di maggio con una lista “Per Maschito”, comunica con la popolazione anche via facebook. In tempo reale inserisce nel sito “Amministrazione Comunale Maschito” bandi, concorsi, provvedimenti comunali non solo del proprio Comune, ma anche di altre istituzioni. Questa novità è stata accolta favorevolmente dai cittadini, anche se nel paese ci sono problemi di natura di pulizia. Ecco quanto riferiscono Antonio e Marianna: Lodevole iniziativa quella di comunicare in tempo reale con la popolazione, almeno quella inserita nel circuito di Facebook, circa le novità amministrative.  Presumiamo la cosa possa e debba funzionare anche al contrario e cioè che questo ‘luogo’ sia a disposizione dei cittadini per comunicare al Comune qualsiasi agio e/o disagio.  Ed eccoci, allora, con documentazione fotografica, a portare all’attenzione dell’Amministrazione l’impossibilità -in Via Suor Maria Bolzacchi- di usufruire confortevolmente di scale e marciapiedi a motivo della vegetazione ivi presente. La situazione crea maggiore disagio perchè la strada in questione è l’arteria posta a collegare Maschito a Venosa e il traffico, incurante del fatto che qui ci sia un centro abitato, è irrispettoso di segnaletica e buon senso. Non si può camminare sulla carreggiata. Non si può camminare sui marciapiedi.  Dove cammineremo?…A volte diventa pericoloso anche andare a buttare la spazzatura!!! Le nostre foto servono a memorizzare i piccoli obiettivi da portare a termine nel nostro Comune e, se noi fossimo amministratori, saremmo lieti di ricevere certi tipi di sollecitazioni dalla popolazione del luogo in cui abbiamo l’onore di servire il Bene Comune. Se non si accettano le critiche costruttive -perchè a queste noi siamo abituati a dar credito e non ad altre- si rischia di non crescere e di rimanere impantanati in un circolo vizioso di errori”. La risposta del vice Sindaco,Michelangelo Volpe, non si è fatta attendere:  “gli 8 addetti alla forestazione non possono partire perchè bisogna prima formarli e quindi avranno la qualifica di forestali, poi assicurarli e infine come in tutti i lavori bisogna retribuirli cosa che non tocca ai Comuni ma alle Comunità Montane… Poi per i ragazzi che rientrano nel progetto Copes ex cittadinanza solidale, la Regione ha dato l’opzione di poter essere al servizio del Comune oppure fare dei corsi di formazione, quindi noi abbiamo a disposizione solo 6/7 unità che oltre al taglio dell’erbacce nel paese, fanno anche la raccolta vicino ai bidoni visto l’incivilità di diverse persone per la “differenziata”, il tutto in quelle poche ore che possono essere a disposizione del Comune, mentre le altre unità faranno dei corsi di formazione presso l’ex ufficio di collocamento. Ogni domanda vi sarà risposta in modo da non creare inutili equivoci”. Nino Giuralarocca, un cittadino, aggiunge: “comunque Michelangelo gli 8 addetti alla Forestazione sicuramente sono capaci di pulire da erbacce i bordi di alcune strade senza bisogno di Formazione, se si tratta di una questione burocratica l’avvio delle operazioni, potete utilizzare i cittadini della Cittadinanza Solidale (quelli rimasti) che già hanno fatto un buon lavoro tempo fà. Poi se invece ci sono problemi di altra natura che si rendano pubblici, onde evitare inutili polemiche e prese di posizione sull’uso delle vocali e le date anagrafiche”. Storia di ordinaria..burocrazia.

l.z.