CONDIVIDI

Georges   BrassensMarsico Nuovo (PZ) – Si potrebbe dire che il mito e la leggenda di Georges Brassens si (ri)presenta proprio nel paese da dove alla fine dell’ottocento Michele Dagrosa e Maria Dolce, i nonni materni del grande chansonnier, partirono per raggiungere Séte, cittadina di mare nel sud della Francia…. A Marsico Nuovo viene presentato oggi nella Sala delle Conferenze del Municipio (ore 17.30) il libro curato dal giornalista Mimmo Mastrangelo Georges Brassens: il francese lucano”, pubblicato di recente da Valentina Porfidio Editore. Il volumetto si presenta come una finestra aperta sull’universo di Brassens, dalle pagine si può cogliere le fasi salienti della vita del cantautore, una lettura della sua opera canora e pure quell’ atmosfera tutta parigina degli anni cinquanta-sessanta in cui la vita di un artista aveva l’ambizione di sfiorare l’impossibile.

Una lavoro che, nel (ri)affermare la straordinaria poetica di un artista che per tutta la Francia rappresenta una leggenda non scalfita dal tempo, punta a recuperare l’italianità di Brassens e, dunque, le sue origini lucane. Oltre a due brevi scritti di Mimmo Mastrangelo, l’opera contiene la presentazione del Presidente della Giunta della Regione Basilicata, Marcello Pittella , la prefazione del giornalista e presidente della Lucana Film Commission, Paride Leporace e un saggio sugli artisti che hanno cantato in Italia Brassens curato dal cantautore leccese Alessio Lega (pure lui più volte ha riletto l’arte brasseniana). Organizzato dal Comune e dalla Pro Loco di Marsico Nuovo, l’incontro del pomeriggio vedrà la partecipazione, oltre dell’autore e dell’editore Valentina Porfidio, del sindaco Domenico Vita, della presidente della Pro Loco, Maria Lupo, del professore e scrittore Antonio Lotierzo, dell’architetto Remo Votta e del sottosegretario al Ministero Della Salute, Vito De Filippo. Modera il giornalista Giovanni Rivelli.