CONDIVIDI

produttori e detentori di rifiuti radioattivi in italiaScorie nucleari, l’Italia delle promesse e dei proclami di Renzi è inadempiente e in ritardo anche su tematiche molto importanti e delicate che investono la sicurezza nazionale e la salute dei cittadini.

Nonostante i numerosi richiami dell’Ue e l’apertura di una procedura d’infrazione contro l’Italia, il governo non ha ancora adottato il Programma nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi.

Per tentare di fare chiarezza sui ritardi e sulle inadempienze e per capire qual è l’attuale situazione il portavoce eurodeputato del M5s Piernicola Pedicini ha presentato un’interrogazione per chiedere quali sono le valutazioni della Commissione europea dopo la risposta fornita dall’Italia a seguito dell’avvio della procedura d’infrazione.

Nell’interrogazione è stato precisato che il Programma nazionale andava notificato alla Commissione europea ad agosto 2015 e che la procedura d’infrazione dell’Ue è stata aperta a febbraio 201. In più è stato evidenziato che, ad aprile scorso, il ministero dell’Ambiente italiano ha avviato la procedura di Vas (Valutazione Ambientale Strategica) per definire il documento di analisi preliminare del Programma nazionale, ma nel documento in consultazione presso il ministero dell’Ambiente non c’è nessuna informazione relativa al Programma nazionale e risulta privo di un elaborato relativo all’analisi preliminare.

Inoltre, nel documento non ci sono riferimenti alla Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi), che stabilisce dove localizzare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e del Parco tecnologico, e risulta incompleto l’inventario delle scorie e del combustibile esaurito perchè è carente la parte relativa ai rifiuti derivanti da fusione accidentale di prodotti provenienti dalle fonderie delle aziende siderurgiche.

PIERNICOLA PEDICINI

Portavoce eurodeputato del M5s al Parlamento europeo