CONDIVIDI

Siamo stanchi di assistere alle farse di questo governo regionale. Ancora una volta vengono calpestati i diritti delle opposizioni e si prende in giro il popolo lucano.

regione-basilicataIl Movimento 5 Stelle unitamente ad altri consiglieri di opposizione aveva richiesto un consiglio regionale tematico per parlare dei permessi di ricerca in atto e del permesso di ricerca denominato Palazzo San Gervasio. La richieste veniva avanzata proprio all’indomani della sentenza del Tar Basilicata con la quale si dava di fatto via libera alla società texana AleAnna Resources LLC di “trivellare” il territorio del Vulture Alto Bradano. Bene. Invece di convocare un consiglio regionale tematico, la maggioranza decide di inserire un punto all’ordine del giorno del consiglio previsto per la mattinata di oggi, prima di espletare la normale attività ispettiva. Inizia il consiglio e con esso iniziano anche le richieste del Movimento 5 Stelle. Richiesta annunciate nei giorni scorsi con vari comunicati stampa, ma probabilmente rispetto alle quali la maggioranza non era ancora preparata.  Così i consiglieri Perrino e Leggieri chiedono al consiglio di calendarizzare e votare a)  una richiesta di referendum contro l’art. 35 del Decreto Sviluppo Italia e contro l’art. 38 dello Sblocca Italia b) la istituzione di una commissione speciale al fine di verificare se, come da più parti sostenuto, vi siano state irregolarità da parte dell’Eni in Val d’Agri nell’attività estrattiva. Una mozione, quest’ultima, diretta anche a far valere, in ultima istanza, il comma 11 quater dell’art. 38 che prevede la possibilità di revoca del titolo concessorio in caso di violazioni di parte delle compagnie petrolifere.

Due proposte che mettono subito in grande imbarazzo una maggioranza che sfila sulle spiagge di Policoro, ma che ha difficoltà a mettere in atto azioni concrete contro la politica energetica del Governo Renzi, contro le lobby del petrolio ed in difesa del popolo lucano e del territorio di questa Regione.

Così, tutto viene rimandato, in teoria al prossimo consiglio regionale, in realtà a data da destinarsi, perché i rinvii in questa regione sono sempre indeterminati.

Questo è il pessimo spettacolo offerto questa mattina dal consiglio regionale della Basilicata, uno spettacolo andato in scena alla presenza di alcuni Sindaci lucani accorsi per assistere al consiglio regionale.

Spero che anche loro sappiano cogliere le debite conclusioni ed inizino a tutelare le comunità locali che non possono sperare in alcun modo di essere tutelate dalla Regione Basilicata.

 

                                                                                                                                                               Il consigliere regionale M5S

Gianni Leggieri