CONDIVIDI

Filiano (PZ) – Possono fiori finti ormai logori, cannucce, carta o stoffa non più usata diventare nuovi oggetti artistici? La risposta è sì dopo aver visto le opere delle allieve del laboratorio creativo “Crea la tua decorazione di Pasqua” in mostra fino a sabato 8 aprile 2017, all’interno del Centro sociale “Prof. G. Lorusso” a Filiano.

Il laboratorio creativo promosso dalla Pro Loco di Filiano, con il patrocinio del Comune di Filiano e dell’Unpli Basilicata, ha coinvolto diverse allieve attratte dalla possibilità di apprendere dalla “insegnante” Tatiana Shurygina, coadiuvata dalle collaboratrici Donatella Oppido e Francesca Pace, le tecniche per intrecciare la carta e assemblarla: un’opera di riciclo ma anche di vera creatività artistica.

insegnante, allieve, Vito Sabia
insegnante, allieve, Vito Sabia

Solo passione e nessun scopo commerciale per le allieve del laboratorio Lucia Nolè, Lucia Maio, Carmen Ruo, Tiziana Musceca, Fiona Musceca, Rosanna Pace, Maria Rosaria Telesca e Maria Teresa Aloe.

«L’idea di partenza è nata dalla versatilità di questo materiale, capace di trasformarsi con l’uso di svariate tecniche: dall’intreccio, agli intarsi, alla filatura, agli origami.» racconta Tatiana. «L’interesse per la cultura del riciclo e il basso costo del materiale mi ha portato poi a sviluppare e sperimentare le tecniche del suo intreccio per la realizzazione degli oggetti più disparati: cestini, copri vasi, porta oggetti di vario genere, svuota tasche e tanti altri oggetti decorativi, artistici o d’uso quotidiano e anche elementi di decoro per la casa.»

«Ri-utilizzo, riciclo, inizialmente visto come un passatempo, un gioco, potrebbe rivelarsi anche un nuovo lavoro. Con la carta, dai giornali e dai volantini – dichiara Vito Sabia della Pro Loco Filiano – si può creare un vero e proprio laboratorio di creazioni di riciclo e oggettistica in carta.»

Sabato 8 febbraio 2017 alle ore 18:00, presso il Centro sociale di Filiano, si terrà la cerimonia finale con i saluti di fine laboratorio e la consegna degli attestati di partecipazione.