CONDIVIDI

Fondazione Cineteca di Bologna CSC – Cineteca Nazionale in collaborazione con Alberto Grimaldi. Premio Venezia Classici a Salo le 120 giornate di Sodoma (1975) di Pier Paolo Pasolini per il miglior film restaurato alla 72. Mostra del Cinema di Venezia.

salòSalò o le 120 giornate di Sodoma (1975) di Pier Paolo Pasolini ha ottenuto il Premio Venezia Classici: l’ultimo film dello scrittore-regista, restaurato dalla Cineteca di Bologna e da Cineteca Nazionale, ha vinto il premio per il Miglior Film Restaurato alla 72esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Il Leone è stato ritirato alla cerimonia di premiazione dal direttore della Cineteca di Bologna, Gian Luca Farinelli, e dal presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Stefano Rulli. Il film è stato scelto da una giuria composta da ventisei laureandi in storia del cinema, guidati da Francesco Patierno, che quest’anno presiedeva la giuria di Venezia Classici. Il restauro è stato realizzato dal laboratorio «L’Immagine Ritrovata» della Cineteca di Bologna, con la consulenza scientifica del Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della stessa Cineteca, che si aggiudica così il Premio Venezia Classici per il terzo anno consecutivo, dopo quelli ricevuti nel 2013 per il restauro di La proprietà non è più un furto di Elio Petri (promosso dalla Cineteca di Bologna e dal Museo Nazionale del
Cinema di Torino) e nel 2014 per quello di Una giornata particolare di Ettore Scola (promosso da Cineteca Nazionale).

«Voglio ringraziare la Mostra di Venezia, Francesco Patierno e tutta la giuria», ha esordito il direttore della Cineteca di Bologna Gian Luca Farinelli, ricevendo il Leone per il Miglior Film Restaurato. «Avete compiuto una scelta storica, premiando un film che non era mai stato premiato prima, attorniato da censure e boicottaggi distributivi. A quarant’anni di distanza, Salò riceve questo importantissimo riconoscimento e, grazie a questo restauro, potremo tornare a vederlo anche nelle sale cinematografiche italiane». Un premio, questo di Venezia Classici, che giunge a coronamento di un lungo lavoro che la Cineteca di Bologna svolge attorno alla figura di Pier Paolo Pasolini e si inserisce nel cartellone di iniziative volute dal ministro Dario Franceschini, per celebrare nel 2015 il poeta, l’intellettuale e il regista nato a Bologna.