CONDIVIDI

Acerenza_cattedraleLa ricerca dell’Archivio  Storico Glinni di Acerenza, è partita dalla’analisi di un capitello sito nella cripta della Cattedrale di Acerenza sul quale campeggia una evidente croce Templare. La forma del capitello , unico del genere in Italia,  è decisamente anomala a ” fior di loto” , con richiamo evidentissimo all’Antico Egitto, dove le colonne dei templi erano realizzate in tale stile . Ma anche il materiale non lascia dubbi: il capitello è infatti in granito rosso, materiale assente in zona,ma utilizzato per le  celebri Piramidi. Da tale elemento , si è partiti con una ricerca in via di  pubblicazione che ha rilevato la inequivocabile  disposizione delle Cattedrali, la cui costruzione appare di difficile comprensione  quali dimensioni e vicinanza in una zona all’epoca della costruzione quasi disabitata.  Che i Templari avessero attinto ad antiche tradizioni Egizie è un dato storico riconosciuto , e probabilmente l’idea era quella di ricreare in terra una star- gate , una porta delle stelle verso Dio , una strada o percorso  celeste  , o forse una vera e propria mappa per il mitico Santo Graal  , in questo caso l’Arca dell’Alleanza. Del resto a Venosa andò a stabilirsi  una colonia ebraica  subito dopo la distruzione del Tempio di Gerusalemme, ed i profughi  nella zona realizzarono molte  catacombe, non del tutto esplorate ed è noto che l’Arca è letteralmente  sparita nel V secolo a.c.. Che stia in Lucania ?  Insomma il mistero è tutto da scoprire o forse sotto gli occhi di tutti  A prestonuove notizie .

Raffaello Glinni