CONDIVIDI

E’ un presente duro quello che la Basilicata sta vivendo, sono tempi di crisi quelli che stiamo attraversando da anni, tempi di crisi per il territorio in un mondo che è radicalmente mutato specie nell’ultimo decennio e che continua a mutare con i dati della nostra situazione economica e sociale che parlano chiaro: Regione in recessione”.
E’ quanto dichiara il segretario regionale dell’UGL Basilicata metalmeccanici per il quale, “ il reddito delle famiglie lucane è inferiore a 3 anni fa in una regione di elevata propensione al risparmio che vede aumentare esponenzialmente la quota di quanti intaccano i risparmi o si indebitano. La produzione industriale è stata in calo, il tasso di disoccupazione ha raggiunto percentuali record, specialmente tra le giovani donne. E va menzionata l’alta quota di persone inattive che si dichiarano disponibili a lavorare ma, non cercano lavoro perché “scoraggiate”. Per Giuseppe Giordano, “ ciò rispecchia le pesanti, talvolta drammatiche difficoltà di famiglie e imprese, di lavoratori e di giovani ancora fuori di ogni attività lavorativa che, realtà della Basilicata, nessuno può sottovalutare o considerare con distacco. Dobbiamo impegnarci unitariamente, per il bene della regione, nel mettere in prima linea la necessità di politiche e misure per la crescita per scongiurare rischi di eventi catastrofici. Bisogna e si deve operare per sostenere e promuovere lo sviluppo e l’occupazione, finalizzando progetti qualificati e immediatamente avviabili a realizzazione. Per l’UGL Basilicata – conclude il segretario regionale metalmeccanici, Giordano – le forze politiche della regione devono dare nuova prova del loro senso di responsabilità giungendo a intese conclusive, ascoltando la voce dei lavoratori, dunque, dei giovani che bussano alle porte del mercato del lavoro aiutandoli con una seria comprensione delle difficoltà e sforzandoci tutti insieme in quel rinnovamento di cui occorre farsi tutti carico”.