CONDIVIDI

Venosa concerto ladri in carrozzinaVenosa – Il progetto prevede due eventi estivi, il concerto di stasera (9 LUGLIO) dei “Ladri di carrozzelle” e l’incontro-danza con Simona Atzori del 3 settembre, per poi proseguire con incontri nelle scuole.La scelta di realizzare il progetto e la scelta degli incontri nasce dall’idea di scuotere le coscienze di tutti noi, di abbandonare quel modo diffuso di pensare e di prendere la vita che porta a lamentarsi sempre per quello che, spesso solo di materiale, non abbiamo, tralasciando di valorizzare l’enorme patrimonio che ciascuno di noi possiede. Il concerto dei “Ladri di carrozzelle”, gruppo fondato 25 anni fa la cui formazione iniziale presenta alcune particolarità: quasi tutti i fondatori sono persone con disabilità ma questo non impedisce ai musicisti di provare ad inseguire un sogno: diventare una rock band.

Nel corso degli anni la formazione cambia a causa dell’aggravarsi della patologia dei fondatori e si arricchisce di nuovi “ladri” e al momento esistono diverse formazioni che scendono in campo a seconda dell’impegno richiesto.

I “ladri” sono l’espressione di un vasto piano la cui attività principale è quella concertistica, ma si estende e sconfina in attività collaterali, rientranti in un unico, ambizioso progetto: la diffusione di un immagine nuova e insolita delle diverse abilità, attraverso la musica.

Ci siamo collegati – dichiara la Presidente dell’Avis Comunale di Venosa, Avv. Sara De Feudis – al progetto realizzato lo scorso anno con cui ci siamo presi cura del cuore, dal punto di vista fisico, installando il defibrillatore in piazza e diffondendo le manovre salvavita, e quindi abbiamo pensato ad incontri che ci insegnassero ad ascoltare con il cuore, a vedere con il cuore e a trovare in ciascuno di noi la forza per realizzare i nostri sogni e superare le difficoltà della vita.

Siamo certi che l’impatto emotivo che questi incontri doneranno a tutti coloro che sceglieranno di passare una serata diversa, in cui si ascolta ottima musica, e si ammirano esempi di forza e costanza, piccoli semi che ci insegneranno ad andare oltre le diversità, anzi a farne tesoro.