CONDIVIDI

via crucis di jf overbeckFiliano (PZ), 2014-05-02 – Dopo il positivo riscontro in termini di presenze e di partecipazione emotiva e spirituale alla trentesima edizione della “Via Crucis vivente”, svoltasi in Filiano il 17 e 18 aprile scorsi, la Pro Loco di Filiano intende offrire una ulteriore occasione per riflettere sul tema della Via Crucis, e precisamente sul ruolo imprescindibile che l’arte sacra ha avuto ed ha ancora nella trasmissione dei contenuti della fede mediante la Bellezza, partendo da alcune parole che Papa Francesco ha lasciato scritte nella sua prima Esortazione Apostolica: «Tutte le espressioni di autentica bellezza possono essere riconosciute come un sentiero che aiuta ad incontrarsi con il Signore Gesù. Si tratta di recuperare la stima della bellezza per poter giungere al cuore umano e far risplendere in esso la verità e la bontà del Risorto».

Sono molti gli artisti che hanno raccontato attraverso la Via Crucis, la passione ed il dolore che Gesù Cristo ha patito nel suo ultimo atto terreno di amore verso gli uomini.

Di rilievo, tra tante opere, la Via Crucis di Johan Friedrick Overbeck (Lubecca 1789-Roma 1869).  Ispiratore del gruppo di pittori-asceti denominato “Nazareni”, Overbeck nacque luterano e, nel 1812, si convertì al cattolicesimo, dopo una profonda crisi dovuta alla morte precoce del confratello Franza Pfor. Il motivo dominante dell’opera di Overbeck è religioso e morale, come ben si evince nelle “stazioni della Via Crucis”, acquarelli dedicati a Pio IX. Le quattordici stazioni più il preambolo del Cristo crocifisso impresso sul frontespizio furono tradotti in corpi di stampa dal litografo Gaetano Scafa.

Si tratta di una Via Crucis che unisce l’arte alla fede, la bellezza alla spiritualità, in un percorso che ricorda passo dopo passo il calvario di Cristo fino alla crocifissione. Desta meraviglia l’abilità tecnica con cui Overbeck costruisce immagini piene di tormento e passione. Il suo Cristo è fisico, spirituale, bello, protagonista di una storia umana che nel dramma trova la speranza. 

L’opera incisoria (14 tavole e frontespizio) tratta dalle invenzioni di Overbeck e facente parte della collezione Ertico, sarà esposta presso il Centro sociale di Filiano.

La vernice della mostra – organizzata dalla Pro Loco di Filiano, in collaborazione con la Galleria Civica “Porta Coeli” di Acerenza e con il patrocinio del Comune di Filiano –  avrà luogo domenica 4 maggio 2014, alle ore 18:00, presso il Centro sociale di Filiano, alla presenza del sindaco di Filiano, Giuseppe Nella, e del presidente della Pro Loco di Filiano, Vito Filippi. Interverranno Vito Sabia della Pro Loco di Filiano, Aniello Ertico, direttore della Galleria Civica “Porta Coeli” di Acerenza, Mario Ciola, autore dello studio “La Via Crucis di J.F. Overbeck nelle stampe della collezione Ertico”.

Sarà possibile visitare lo spazio espositivo fino al 31 maggio negli orari di apertura della Biblioteca comunale di Filiano.