CONDIVIDI

Laghi di Monticchio – In questi giorni di calura, sono prese di mira dai tanti villeggianti anche le località lacustre, come i Laghi di Monticchio a 10 km da Rionero in Vulture e qualche chilometro in più da Melfi. La maggior parte provenienti dalla vicina Campania e Puglia. Monticchio Laghi,ricadente nel territorio del Comune di Atella, collocato a ridosso del Monte Vulture , prende il nome dalla presenza di due laghi di origine vulcanica(denominati “i gemelli del Vulture”), uno maggiore e uno minore, in alcuni punti profondi oltre 60 metri. Fino agli anni ’70 era funzionante una funivia che dai 600 metri dei laghi portava ai 1300 metri del monte vulture, attraverso un panorama mozzafiato dei due laghi immersi tra una folta vegetazione. Oggi, di questo posto si fa solo passeggio e consumazione di alcuni piatti della cucina locale nei vari ristoranti dei due laghi (chi se lo può permettere). In prossimità del lago piccolo ci sono imbarcazioni con utilizzo di pedalò per girare dentro il lago, per raggiungere queste imbarcazioni bisogna attraversare percorsi in terra battuta (è una vergogna!) che costringe il visitatore a ritornare a casa pieno di polvere! Sul monte vulture a 1327 metri, ricadente nel territorio di Melfi, (uno chalet è stato ristrutturato dall’associazione parco del vulture di Melfi) c’è chi va perfino a pascolare con il proprio gregge, lasciando escrementi di ogni genere. Di chi la colpa di questo degrado? Probabilmente dei Comuni interessati! C’e chi sostiene che i Laghi di Monticchio sono Demanio Pubblico, le aree catastali che li identificano sono di proprieta’ statale… La gestione (dei laghi) compete alla Regione ex dpr 112/98. Le aree circostante per una notevole porzione appartiene al demanio forestale, gia statale, oggi regionale. Altri sostengono che la Regione Basilicata nel 2012 ha acquistato da Enel i terreni che circondano il Lago grande di Monticchio in territorio di Rionero in Vulture.Il contratto è stato firmato presso la sede della Regione a Potenza, dal governatore lucano Vito De Filippo e dal responsabile dell’Unità Immobiliare di Enel Servizi Fiorentino Galasso. Una cosa è certa, se questo posto ( nonostante il degrado, attira ancora) fosse nato in altre Regioni, sicuramente sarebbe stato più fruibile e valorizzato diversamente.
Lorenzo Zolfo
Le foto riprendono la bella cartolina del lago piccolo con accanto il percorso in terra battuta.