CONDIVIDI
Laghi di Monticchio il ristorante chiuso col cartello che spiega i motivi
Laghi di Monticchio il ristorante chiuso col cartello che spiega i motivi

Laghi di Monticchio (PZ) – Lo scorso 9 luglio, una domenica piena di gente ( in tanti provenienti dalla vicina Puglia e Campania) in questo bellissimo posto naturale, ma all’occhio del visitatore fa da sfondo un continuo degrado. Pochissimi mesi fa, un gruppo di volontari della zona con buste e attrezzi del mestiere ha liberato questo posto dal tanto degrado, evidentemente ha fatto poca leva agli amministratori, rei di poco attaccamento a questo posto.

Le cose che non vanno sono tante. sul lago piccolo non si rispettano le persone che vogliono farsi una lunga camminata: con tanto di cartello di divieto di transito, fatta eccezione per chi è autorizzato,il lago piccolo viene percorso da automobili a tutte le ore, campeggiano cassonetti rovesciati e cartoni lasciati fuori dai cassonetti,alberi caduti e lasciati nell’incuria. Un ristoratore, sul lago piccolo, ha deciso da alcuni mesi di chiudere battenti, davanti al suo locale campeggia un cartello gigante: “ locale chiuso per protesta di fronte all’indifferenza degli Enti e dei Politici.Abbandonati nel degrado: Vergogna.

Essere indifferenti equivale ad essere complici. Dopo oltre 50 anni diciamo basta, siamo stanchi ed offesi di essere umiliati e presi in giro: ” Mo’ Bast!”. Subito dopo questo ristorante chiuso c’è tratto di strada coperta da fango e per niente messa in sicurezza! Sulla strada lungo il lago grande: automobili in divieto di sosta, una fontana pubblica in bella mostra, che non eroga acqua! I commenti di chi conosce bene questo luogo,si sprecano sui social: Alessandro Z. di Melfi: “È uno spettacolo indecoroso, indecente, insopportabile.

Un luogo stupendo in balia di incuria ed abbandono da parte degli enti gestori e di una regione assente, ingiustificata. E’ una situazione che va avanti da decenni,nessun politico ha, di fatto, pianificato il dovuto per questo territorio”. Eva Sabia da Lavello: “Un vero peccato abbandonare all’incuria una bellezza paesaggistica e naturale . Poteva essere grande fonte di attrazione turistica e lavorativa per tutto il vulture melfese”. Mariangela Ciccarella di Ginestra è stata più volte in questo luogo con i propri bambini: “vai per farti una bella passeggiata e magari i bambini si portano una bici o monopattino o che sia ed un continuo stare a dire “fermi deve passare la macchina”.Ma chi vuol farsi la passeggiata in macchina può andare da un’altra parte?Ti passa la voglia di andarci una volta in più.”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here