CONDIVIDI

E’ stata presentata nei giorni scorsi a Moliterno e pubblicata sui canali dell’Apt Basilicata la nuova video-produzione dell’agenzia dal titolo: “La musica lucana tra preghiere e canzoni d’amore”, per raccontare le tradizioni musicali e popolari della regione. Il video, curato da Graziano Accinni e realizzato da RVM Broadcast di Matera, è un viaggio del musicista lucano attraverso alcuni suggestivi luoghi della spiritualità e della storia lucana, da Acerenza a Moliterno e Tricarico, alla riscoperta dei canti di lavoro, di preghiera e d’amore lucani e di depositari dell’antica tradizione musicale e giovani talenti della musica popolare. Un omaggio alla suggestiva Cattedrale di Acerenza e del suo patrono San Canio, all’arpa viggianese attraverso Luigi Milano di Moliterno, ormai unico interprete della secolare tradizione, ed ai Tarantolati di Tricarico tramite Pietro Cirillo, tra i principali giovani eredi della loro storia. “La valorizzazione del territorio – commenta il direttore dell’Apt Gianpiero Perri – avviene anche attraverso la riscoperta della musica e delle tradizioni. Questa produzione si innesta all’interno del progetto Visioni Sonore, che si aggiunge al lavoro già fatto da Ambrogio Sparagna ed altri protagonisti della musica lucana e che traduce in concreto l’impegno dell’Apt per narrare l’identità culturale della Basilicata e il fascino che essa esercita sull’uomo contemporaneo per la ricchezza di valori e di riti”.