CONDIVIDI

Maschito -La fontana della Noce sommersa dal fango a Maschito dopo il violento temporale dello scorso 2 settembre. Una delle più belle fontane di Maschito, La Fontana della Noce, è stata sommersa da acqua, fango e detriti, molti i Maschitani che si recavano a prendere la sua acqua sorgiva che a detta di molti era migliore di quella che si compra nei market.
L’Amministrazione comunale negli anni precedenti l’aveva rivalutata, mettendo a disposizione di chi si recava un tavolo di legno con le panche, e fatto applicare sul canale dove sgorga l’acqua dell’effigie dell’aquila, simbolo di Maschito, e su tutto il percorso che da Maschito porta alla fontana degli alberi di pino.
Ma il forte temporale che si è abbattuto nella nostra zona è frutto anche della incuria dei contadini che prima avevano scarpe grosse e cervello fino ed avevano cura del territorio, ed usavano cavalli e muli per arare, ma ora che sono diventati imprenditori agricoli ed arano con motori provvisti di aria condizionata, coltivano il proprio terreno fino sull’orlo della strada, solo per acquisire qualche metro in più.
I risultati si sono visti non solo in una fontana simbolo di Maschito ma su tutto il territorio, detriti dappertutto.
Le nostre strade prima erano ridotte da far pena, ora siamo all’emergenza. Alcuni ponti di strade interpoderali sono scomparsi, la strada fatta dopo 30 anni di attesa il Mulino Don Donato ridotta da far paura…e l’elenco può continuare all’infinito.
Alla Basilicata arrivano solo rifiuti nelle discariche e trivellazioni selvagge, manutenzioni delle strade e del territorio sono lasciate alla buona sorte ed il risultato si vede.
l.z.
la foto ritrae la fontana della Noce di Maschito dopo il temporale e come era prima.