CONDIVIDI

La programmazione messa in atto dall’Amministrazione comunale di Rionero in Vulture volta alla conoscenza e valorizzazione del patrimonio naturalistico ricadente nel proprio territorio si arricchisce di un nuovo ed importante tassello: gli assessorati all’Ambiente ed alla Cultura del Comune di Rionero in Vulture in collaborazione con l’Associazione ANISA della Provincia di Potenza, Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell’Arte, hanno organizzato un  laboratorio didattico inerente al tema LE PIANTE DELLA LUCANIA ANTICA rivolto ai bambini di età compresa fra 7 e 12 anni . Il laboratorio tenutosi nella storica e prestigiosa cornice del  giardino  di Palazzo Giustino Fortunato ha avuto l’obiettivo principale di Comprendere l’interazione tra storia e paesaggio  e  Scoprirne l’evoluzione e le modificazioni della vegetazione nel tempo, cosi come ha precisato l’Ins. Antonietta D’Annucci, Referente ANISA per la Provincia di Potenza.

“ L’idea di difesa e valorizzazione del territorio in cui si vive rimanda necessariamente alla conoscenza di ciò che si intende difendere e valorizzare, essa è atto primario ed essenziale maggiormente se ci si propone il coinvolgimento e la divulgazione a scopi formativi. I  musei sono luoghi “culturali “non frequentati abitualmente, – aggiunge l’ins. D’Annucci  – e poiche, per esperienza personale , ritengo che basti una mediazione educativa pertinente ed appassionata per ribaltare vecchi convincimento ho realizzato nell’ambito di  tale percorso formativo una visita al Museo Archeologico di Melfi ed una visita  Museo di Storia naturale di Monticchio”.

I fatti delle antiche genti, delle loro vite e delle loro abitudini sono rilevabili dai numerosi segni e segnali che loro hanno impresso su pietre, rocce, e sul contributo che tali segni danno ad interi scenari naturali e ambientali”, aggiunge l’Assessore D’Antonio.

Interessante notare , sottolinea l’Assessore D’Antonio, le forti motivazioni dei  piccoli e numerosi partecipanti all’iniziativa, che partendo dallo  Frame cognitivo sulla parola-concetto ALBERO , procedendo per step  quali la Presentazione della scheda tecnica della pianta , la presentazione delle attestazioni archeologiche nel mondo antico edito nei Musei  , l’attribuzione di valenze e la loro ricorrenza nel MITO e nel RITO antichi , sono giunti alla realizzazione di disegni adoperando differenti tecniche, .

E convinti che “NON SI PUO’ DIFENDERE CIO’ DI CUI NON SI SA”, a fase conclusiva dell’iniziativa i ragazzi provvisti di scope e ramazze varie hanno provveduto a ripulire gli spazi verdi da essi abitati durante  l’iniziativa.”Anche questo una dimostrazione di quanto sia fondamentale la conoscenza degli spazi che viviamo, ha affermato il Vicesindaco Vito d’Angelo,  una conoscenza che può proiettarci in una visione futura degli habitat urbani e naturali e che solo in una logica di condivisione della fruizione e della gestione  può garantire la tutela e la salvaguardia nel tempo, aggiunge d’Angelo.

Ci auguriamo, concludono d’Angelo e d’Antonio, che in un momento cosi delicato per gli Enti Locali, si possa proceder con questa azione di conoscenza e valorizzazione, azione che potrà essere portata avanti solo se sostenuta dall’impegno dei cittadini e delle Associazioni, a cui va in nostro piu sentito ringraziamento per tutto il proficuo lavoro da esse messo in campo in questi ultimi anni.