CONDIVIDI

Dato il successo di pubblico e di critica, verrà prorogata fino al 20 gennaio la mostra “István Orosz, Guntars Sietiņš – Sulle Orme di Escher”, sita nei locali della Pinacoteca Provinciale di Potenza, a cura di Sergio Buoncristiano e Daniel Köster; la mostra, patrocinata dalla Provincia di Potenza e organizzata dalla Rebis Arte e dalla Galleria Koller di Budapest, vede inoltre la collaborazione delle associazioni culturali lucane Nomademente e Liberascienza, quest’ultima impegnata nella curatela del ciclo di seminari “Scienza su tela”, rivolti sia alle scuole che al pubblico della mostra.

Sietins_Characters_XIV_RedColor_Wheel
Sietins Characters XIV Red Color Wheel

Circa 60 opere sono protagoniste di questa rassegna, per evidenziare gli ultimi sviluppi della carriera di István Orosz e Guntars Sietiņš, considerati, a livello internazionale, tra i più prestigiosi artisti seguaci di Escher, di cui è presente una xilografia degli anni Cinquanta che fa da preambolo introduttivo alla rassegna, insieme ad alcune opere grafiche di Victor Vasarely e una scultura di Carlo Mo. Pur provenendo da paesi e culture lontani tra loro, essendo Orosz ungherese e Sietiņš lettone, ambedue esprimono nella loro opera il legame profondissimo con il maestro olandese, ambedue sono virtuosi dell’incisione, seppur utilizzando tecniche diverse, Orosz acquafortista, Sietiņš maestro indiscusso dell’acquatinta e del mezzotinto, ambedue sono artisti di chiara fama internazionale, come testimonia il loro lungo e articolato curriculum.

Sietiņš è docente all’Accademia di Belle Arti di Riga, è membro di numerose associazioni internazionali dedicate alla grafica, ha esposto le sue opere in moltissimi paesi, è considerato uno dei massimi artisti a livello mondiale nel campo dell’incisione all’acquatinta.  Orosz è certamente uno dei più grandi intellettuali ungheresi contemporanei; incisore raffinato, celebre illustratore, artista poliedrico, noto in patria e all’estero, la cui carriera è costellata di riconoscimenti prestigiosi.
La mostra resterà aperta fino al 20 gennaio 2016, dalle ore 9.00 alle ore 13.45 e dalle ore 16.00 alle ore 18.45 (chiusura lunedì e domenica).

Titolo mostra: “ISTVÁN OROSZ, GUNTARS SIETINS – SULLE ORME DI ESCHER”
Curatori: Sergio Buoncristiano, Daniel Köster
Sede: Pinacoteca Provinciale, Via Lazio 8, Potenza,
Periodo: 4 dicembre 2015 – 20 gennaio 2016
Orari di apertura: dalle ore 9.00 alle ore 13.45 e dalle ore 16.00 alle ore 18.45 (chiusura lunedì e domenica).
Organizzazione e allestimento: Rebis Arte srls
Infoline: 0971 444833 email: rebisarte@gmail.com